Legacoop: non marginale il passaggio di Parmalat a Lactalis


“Non è marginale se Lactalis compera Parmalat, o se Campofrio compera Fiorucci. Se qualcuno non italiano compera pezzi dell’agroalimentare italiano è perché ha valore di mercato, ma quando questi marchi passano in mani straniere è difficile immaginare che la relazione tra i proprietari non nazionali e il mondo agricolo nazionale resti come oggi”. A lanciare l’allarme è stato Giovanni Luppi, presidente di Legacoop Agroalimentare, all’assemblea degli associati del Nord Italia, nel Bolognese. Perché, per Luppi, il rischio tangibile è che nei prodotti a marchio italiano comperati da stranieri finiscano materie non nazionali. Serve, ha spiegato, una politica di aggregazioni per “dare vita a grandi alleanze del mondo cooperativo che poi a loro volta possono unirsi ad altri pezzi dell’agroalimentare italiano”. In questo senso va il progetto di fusione di tutte le rappresentanze cooperative del mondo agricolo. “Mettere assieme Legacoop, Fedragri, Agci, è la scommessa di cui parleremo al congresso nazionale dell’associazione, in programma a Roma il 15 e 16 marzo”, ha aggiunto. “Ma una Aci (Allenza delle cooperative italiana, ndr) che si limita a fare rappresentanza non mi interessa: mi interessa una Aci che ripensi la presenza delle cooperative nella filiera”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.