Legambiente: 24 mln. di chilogrammi di cibo sequestrati nel 2011

Nel 2011 sono stati effettuati oltre 1 milione di controlli lungo la filiera agroalimentare. Operazioni che hanno portato al sequestro di oltre 24 milioni di chilogrammi di prodotti, adulterati o truffaldini, per un valore di circa 850 milioni di euro. Una cifra che spiega come la qualità dei prodotti italiani faccia tanto gola alla criminalità organizzata. E’ quanto emerge da ‘Italia a Tavola 2012’, il rapporto sulla sicurezza alimentare del Movimento Difesa del Cittadino (Mdc) e Legambiente, nona edizione presentata al Mise (ministero Sviluppo economico). In un anno segnato dall’emergenza E.Coli, l’Agenzia delle Dogane, i Carabinieri per la Tutela della Salute (Nas), i Carabinieri per le Politiche Agricole e Alimentari, le Capitanerie di Porto, il Corpo Forestale, l’Ispettorato Centrale della Tutela della Qualità e Repressione Frodi e il ministero della Salute, hanno lavorato per la tutela dei prodotti tipici e di qualità italiana, le principali “vittime” delle truffe a tavola. “L’Italia ha uno dei migliori sistemi di tutela della salute alimentare” ha detto il presidente del Movimento Difesa del Cittadino Antonio Longo che, insieme a Legambiente, ha chiesto “l’istituzione di un ‘Sportello italiano anticontraffazione’ a cui i consumatori possano rivolgersi per segnalazioni e informazioni”. “Una maggiore sicurezza – ha concluso il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza – potrebbe essere ottenuta con l’applicazione di norme più severe sull’etichettatura e sulla tracciabilità dei prodotti alimentari e soprattutto inserendo tempi certi per i procedimenti giudiziari che riguardano le frodi alimentari: effettuare le analisi in tempi rapidi, infatti, permetterebbe di controllare efficacemente la filiera e di risalire alla fase del danno prima che i prodotti adulterati vengano diffusi”. (ANSA)

Un Commento in “Legambiente: 24 mln. di chilogrammi di cibo sequestrati nel 2011”

  • Gomathi scritto il 8 dicembre 2012 pmsabatoSaturdayEurope/Rome 22:03

    At present we are using 800 mlioiln barrels of oil a day. That doesn’t include the thirst of China and India. We won’t be able to stay with this for much longer. You are correct that wind power won’t be the be all and end all but it is a good beginning. It is difficult to believe that wind power causes nose bleeds. I used to get nose bleeds as a child all the time and still do with sever colds. It appears to me Canadians are looking for excuses due to the fact with the new engery call, some industries are going to fall and others will be born. It’s a fear of the Labour Unions for example when it comes to change. We cannot be afraid of the new but embrace the change for the better. I can tell you, South Koreans are embracing the new mind set regarding the environment and they will be one of the leading countries given their drive which has been proven since 1953 and their recession of 1997. Brazil is also bring down their pollution emmissions. Anyong

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.