Legge di Stabilità: Ente ricerca agricoltura, fusione salto nel buio

ricerca
‘E’ un salto nel buio per la ricerca italiana l’unificazione del Cra e Inea”. Lo ha detto Giuseppe Alonzo, presidente del Consiglio nazionale per la ricerca e la sperimentazione in agricoltura in un’audizione in Commissione agricoltura della Camera, affrontando il provvedimento contenuto nella legge di Stabilità. L’articolo 32, infatti, prevede la fusione dei due enti vigilati dal mipaaf per rilanciare la ricerca nel settore e razionalizzare le spese del dicastero. ”Visto che si stanno svendendo a ditte straniere i vari asset del nostro agroalimentare forse non c’è più bisogno di fare ricerca”, precisa Alonzo, a cui non piace il cambio di nome (da ente ad Agenzia), controproducente per la visibilità all’estero e tanto meno il commissariamento, in quanto affida il potere ad un’unica persona di cui non si conoscono gli atti. ”L’articolo 32 di fatto – conclude il presidente – porta ad un commissariamento di un ente, il nostro, che non sarebbe stato commissariabile in altro modo se non attraverso l’Inea”. L’unificazione preoccupa fortemente anche l’Inea, come ha detto il commissario Giovanni Cannata audito successivamente in Commissione, nel ricordare che l’esposizione economica dell’ente è oggi di 50 milioni di euro, 10 in meno rispetto a gennaio scorso dal suo insediamento.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.