L’Emilia Romagna protagonista a Cheese 2013

parmigiano 6Come da tradizione, l’Emilia Romagna è un’ospite d’eccezione della manifestazione che colora le strade di Bra dal 20 al 23 settembre. L’evento biennale a ingresso gratuito, organizzato da Città di Bra e Slow Food Italia in collaborazione del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, apre le porte a centinaia di casari, pastori, affinatori e produttori pronti a confrontarsi e presentare le loro prelibatezze. Quest’anno c’è un legame in più: la collaborazione con il Consorzio del formaggio Parmigiano Reggiano per la riuscita della manifestazione. Il Parmigiano Reggiano sarà protagonista in molti appuntamenti e nello stand del Consorzio del Parmigiano Reggiano, in piazza XX settembre, numerosi incontri e degustazioni per portarci alla scoperta dei segreti di uno tra i simboli dell’Italia.
L’Emilia Romagna è una terra con una ricca tradizione gastronomica. Il Mercato italiano di Cheese ospita alcuni dei migliori produttori emiliani e romagnoli di formaggi, conserve, condimenti e birre. Per cominciare il nostro viaggio gastronomico tra le eccellenze di questa regione, facciamo un giro tra i caseifici presenti in piazza Carlo Alberto: Gennari Sergio & Figli Srl di Collecchio (Pr), Valsamoggia di Monteveglio (Bo), Rastelli di Solignano (Pr), Montanari & Gruzza di Reggio Emilia, Grana d’Oro Srl e I Sapori delle Vacche Rosse, entrambi di Cavriago (Re). Possiamo poi fare una sosta dal Gruppo A. Bizzozzero, che si occupa di affinare, distribuire ed esportare il Parmigiano Reggiano. Per conoscere più a fondo le origini del re dei formaggi stagionati, non ci resta che fare qualche domanda sul latte e sulle vacche che lo producono all’Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Reggiana e al Consorzio Vacche Rosse. Se vogliamo abbinare ai prodotti caseari acquistati mieli, confetture e mostarde, basta fermarsi in piazza Carlo Alberto da Luvirie – Leccornie di Romagna di Riccione (Rn) e da Apicoltura Gianni Castellari di Montebaranzone (Mo).
L’Emilia è anche la patria di un’altra delle eccellenze gastronomiche italiane conosciute in tutto il mondo: l’aceto balsamico. A Cheese possiamo trovarlo in piazza Carlo Alberto in questi stand: Acetaia del Cristo di San Prospero (Mo), Acetaia Malpighi Srl di Modena, Acetaia San Matteo di Modena, Balsamico Leonardi 1871 di Modena, Acetaia Paltrinieri di Sorbara (Mo) e La Vecchia Dispensa Srl di Castelvetro di Modena. Passando da via Marconi, ci imbattiamo nel Presidio Slow Food della vacca bianca modenese, razza autoctona di cui sono rimaste poche centinaia di capi. Prima di assaggiare le prelibatezze regionali, facciamo una sosta in via Cavour per far visita a una storica azienda di Fidenza, nata nel 1825 dal laboratorio di maestri vetrai: Bormioli Rocco e Figlio Spa.
Dopo aver fatto questo lungo viaggio alla scoperta dei prodotti gastronomici della regione, ci meritiamo una pausa golosa. In piazza Roma ci aspetta il ricco menù di Food Truck Cinemadivino di Faenza, tra cui spiccano le costolette di maiale condite con ketchup di susine e chips e il crescione con le rosole, che possiamo accompagnare a una birra del vicino stand Ales & Co srl di Sant’Agostino (Fe). Nel cortile delle Scuole Maschili invece da non perdere i piatti del Chiosco Degustazione Sorprese della Bassa Parmense – Hostaria da Ivan Fontanelle di Roccabianca (Pr). Sempre nel cortile, tra le bancarelle delle Cucine di strada ci lasciamo tentare dalle proposte dell’Osteria del Gran Fritto di Cesenatico e Milano Marittima (Fc) e di LaTigellina.com di Carpi (Mo). Se invece abbiamo voglia di una piadina, ci attende Fresco Piada – Artigiani di Riccione, in trasferta in piazza XX Settembre, a Bra, per i giorni della kermesse. Con la pancia piena, ci dirigiamo allo stand di una delle imprese di assicurazioni italiane più importanti, la bolognese Unipol Assicurazioni, la cui storia prende il via nel 1962.
Per quanto riguarda gli appuntamenti, si comincia venerdì alle 18.30 con l’inaugurazione della mostra Omaggio a Francesco Guccini del pittore Mirco Ambrogini. Le sale del Palazzo ex-carceri ospitano la raccolta delle opere dell’artista dedicate al cantautore modenese, che dalle 21.30 è sul palco di Piazza Caduti per la libertà a scambiare Due chiacchiere con Carlo Petrini. A moderare l’incontro fra i due, c’è il vignettista, pubblicitario e autore televisivo Guido De Maria, anche lui originario della provincia modenese.
Il Caffè Letterario ha in programma per la giornata di venerdì un pomeriggio dedicato alla regione. Alle 13, durante l’evento Il Parmigiano Ferrari incontra i Presìdi Slow Food, viene presentato il progetto di partnership tra Ferrari e i Presìdi italiani, alla presenza dei dirigenti dell’azienda, Giancarlo Rossetti, dir. acquisti Ferrari e Piero Sardo, presidente Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus. All’appuntamento sono presenti anche Bianca Minerdo e Francesca Farkas, rispettivamente curatrice e autrice del volume Marmellate e conserve della collana Scuola di cucina di Slow Food Editore e Giunti. Alle 16 il cortile di Slow Food Editore ospita l’incontro Imparare la decrescita: l’esperienza della Scuola dell’Agrivillaggio e della Decrescita Felice. Giovanni Leoni, agricoltore e autore del Manifesto per l’Agrivillaggio e Maurizio Pallante, fondatore e leader del Movimento per la decrescita felice, nonché autore di numerosi libri sul tema, ci raccontano la storia e gli obiettivi di questa realtà nata a Parma.
Alce Nero, marchio che riunisce oltre mille agricoltori e apicoltori, con sede a Monterenzio (Bo), partecipa al progetto Slow Food delle etichette narranti per i prodotti alimentari. Lucio Cavazzoni, presidente Alce Nero, e Roberto Rubino, presidente Anfosc, ce ne parlano al Laboratorio del Latte La trasparenza è un’autentica rivoluzione, sabato alle 14 presso lo stand Slow Food.
La nona edizione di Cheese dedica molti Laboratori del Gusto all’Emilia Romagna. Sabato la sala IPC Velso Mucci in via Craveri 8 ne ospita due: alle 16 possiamo soddisfare la nostra sete di conoscenza sulla maturazione del re dei formaggi prendendo parte a Le stagionature del Parmigiano Reggiano, mentre alle 19 durante La cucina del recupero: dalle croste solo delizie, guidati da Roberto e Alessandra, osti de La Campanara di Galeata, chiocciola di Osterie d’Italia sui primi colli forlivesi, impariamo a riutilizzare gli avanzi nelle ricette della tradizione romagnola.
Lo stand Sigaro Toscano, in piazza XX Settembre, organizza tre Laboratori del Gusto, in cui possiamo assaporare prodotti dell’Emilia Romagna. Sabato alle 21 siamo invitati a degustare il Parmigiano Reggiano, l’aceto balsamico tradizionale di Modena dell’Acetaia Malpighi e il Lambrusco di Modena Rifermentazione Ancestrale della cantina Francesco Bellei insieme al sigaro Toscano Originale Selected partecipando a 1813-2013: nel bicentenario di Giuseppe Verdi un incontro eno-culturale in perfetto stile emiliano.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.