L’eredità del gelo: poche mimose per l’8 marzo

Ci sarà il classico rametto di mimosa per ogni donna? L’8 marzo quest’anno rischia di essere festeggiato con poche mimose, simbolo floreale della giornata della donna.
I raccolti ortofrutticoli, ma anche le piante, sono stati falcidiati dall’ondata di freddo siberiano sul nostro Paese e ora si cominciano a contare i danni;
la prima conseguenza tangibile del maltempo sarà la minore presenza di mimose, almeno di quelle italiane ed in particolare liguri. infatti il gelo ha distrutto gran parte dei fiori sugli alberi.
A lanciare l’allarme è la CIA di reggio Emilia “I colleghi liguri – afferma – stanno riscontrando una criticità molto elevata per le ortive in pieno, gli aromi e le piante in vaso (margherite in particolare). Critica la situazione per le fronde (mimosa e ginestra, la cui produzione sarebbe completamente persa) e difficile anche per altri fiori. Ma anche in altre zone d’Italia si è verificata una perdita di mimose, il che rende più difficile il rifornimento nei giorni in cui servirebbe la massima disponibilità di prodotto .
Scelta dall’Unione Donne Italiane , nell’immediato dopoguerra come simbolo della festa della donna proprio perché è uno dei pochi fiori naturalmente disponibili in un periodo ancora invernale, la mimosa è un’acacia originaria dell’Australia e giunta in Europa nel 1800.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.