Lettera aperta dei dipendenti dell’ENSE


Riceviamo e pubblichiamo questa lettera aperta scritta dai dipendenti dell’Ente Nazionale Sementi Elette, soppresso dalla Legge Finanziaria.

L’ENSE, Ente Nazionale delle Sementi Elette con sede centrale in Milano, viene soppresso dal decreto anticrisi che ne affida le funzioni, il personale e le strutture all’INRAN, Istituto Nazionale per la Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione di Roma. Ma le sementi non si mangiano! Si seminano.. E le competenze sono infatti diverse. Un Ente analogo all’ENSE c’è in ogni paese UE: il mondo delle sementi rappresenta un settore specifico, regolato a livello nazionale, comunitario e anche sovra-europeo da normative e accordi che ne disciplinano la produzione, le modalità di controllo, il commercio. L’ENSE è parte importante di questo sistema e, per svolgere le proprie attività, non riceve alcun contributo pubblico.
I dipendenti ENSE a tempo indeterminato sono un centinaio. A questi si aggiungono altrettanti collaboratori, in numero variabile secondo le esigenze stagionali tipiche del settore agricolo. I dipendenti ENSE non sono contenti di questa scelta, che non capiscono. L’ENSE è un piccolo Ente pubblico, autofinanziato al 100%. I suoi bilanci, reperibili sul sito Internet, sono largamente in attivo. Gli avanzi di amministrazione, peraltro, vengono reinvestiti a beneficio del settore sementiero, come previsto dalla legge.
Quali risparmi si intendono conseguire con l’accorpamento all’INRAN? Senza nulla togliere ai colleghi dell’INRAN che conosciamo e stimiamo come ricercatori altamente qualificati in un settore diverso dal nostro, l’Istituto versa in gravi difficoltà finanziarie (è sufficiente una rapida consultazione Internet per vedere menzionate le “gravi difficoltà del bilancio INRAN”, la “necessità di rientrare dalle esposizioni bancarie” e così via!). Fagocitando l’ENSE, l’INRAN potrebbe risolvere una parte dei propri problemi finanziari.. ma cosa succederà domani? Il rischio è quello di dover ricorrere in futuro al finanziamento pubblico per portare avanti i compiti acquisiti! Compiti che non possono essere omessi. Lo dice l’Unione Europea.
Così, le attività che oggi l’ENSE porta avanti con professionalità ed efficienza e soprattutto senza chiedere un euro alla collettività.. in un futuro vicino potrebbero dover essere finanziate con i soldi dei cittadini italiani!
I dipendenti dell’ENSE chiedono pertanto al governo di ripensare questo provvedimento e si rivolgono anche alle regioni italiane, alle altre amministrazioni locali, alle componenti del settore agricolo, all’opinione pubblica. E’ accettabile che l’ENSE venga soppresso? Che i risultati positivi della sua virtuosa gestione rischino di venire dispersi, con grave perdita per il settore agricolo nazionale e per i territori di appartenenza? In Lombardia e in Campania si trovano ad esempio le sedi di Tavazzano e Battipaglia, di proprietà dell’ENSE, potrebbero essere dismesse per ripianare i conti di un altro Istituto? In diverse regioni sono localizzati centri operativi, centri agricoli sperimentali e laboratori di analisi altamente specializzati e riconosciuti a livello nazionale e internazionale (accreditamenti e riconoscimenti da parte di prestigiose Istituzioni internazionali, appartenenza a network nei settori specifici di attività..) La stessa Corte dei Conti, relazionando al Parlamento, lo scorso 10 novembre 2009 diceva:
L’ENSE è < >.
Se le cose stanno così, perché buttare via l’ENSE? I lavoratori dell’ENSE chiedono il sostegno delle amministrazioni pubbliche, molte delle quali si avvalgono delle nostre competenze, di tutto il mondo agricolo, di tutti coloro che credono che sia giusto difendere – e non penalizzare – chi lavora bene … La nostra non vuole essere una difesa corporativa per opporsi a qualsiasi cambiamento, né una presa di posizione contro un altro Istituto, ma una rivendicazione identitaria di persone che riconoscono il valore della buona gestione e credono nella missione dell’organizzazione di cui fanno orgogliosamente parte.

I dipendenti ENSE

3 Commenti in “Lettera aperta dei dipendenti dell’ENSE”

  • Antonio scritto il 3 giugno 2010 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 22:09

    Sono pienamente in sintonia su quanto relazionato dai dipendenti dell’Ense.
    Sono un operatore del settore e ritengo che sia l’unico ente che possa garantire qualità e sicurezza oltre a limitare le frodi che interessano un settore importantissimo dell’economia ialiana .

  • beatrice scritto il 3 giugno 2010 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 23:28

    Non ho parole! Perchè dobbiamo sopprimere una struttura che funziona senza contributi pubblici?
    Ho controllato, le notizie mi sa che sono vere: bilanci e notizie varie sulla “trasparenza” dell’ense sono disponibili sul sito di questo ente (che nell’insieme è un po’ fai da te.. forse migliorabile!). Sul sito INRAN non si trova nulla di tutto ciò.. perchè?

  • Antonio scritto il 22 giugno 2010 ammartedìTuesdayEurope/Rome 0:20

    da giovane perito agrario neo doplomato ho avuto occasione di collaborare con ENSE di Verona, mi meraviglio del governo e dei parlamentari che hanno adottato questo provvedimento. Purtroppo pagheremo le conseguenze fra qualche anno, quando una giungla di commercianti per fare profitto metterà in commercio sementi diverse dal pattuito, non certificate, ingannando ignari agricoltori ed indirettamente anche i consumatori , tutto questo per la mancanza di un’Ente terzo, imparziale, ghe li garantisca con controlli seri.

    Bisognava dire a voce alta quello che veniva fatto dall’ENSE anche con catatonici articoli stampa come si usa adesso, in fin dei conti le occasioni non mancavano.
    ciao ed in bocca al lupo.
    Badia Polesine
    Antonio

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.