Lo storno va cacciato!

Un documento inviato al governo perché provveda a emanare a breve le direttive nazionali per la caccia in deroga e intervenga sull’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) per favorire l’approvazione dei provvedimenti regionali di caccia in deroga senza incomprensibili limitazioni. E ancora, affinché intervenga in sede comunitaria per accelerare l’inserimento dello storno tra le specie cacciabili. L’hanno siglato le associazioni regionali degli agricoltori e del mondo venatorio (Confagricoltura, Coldiretti,
Cia Emilia-Romagna, Anuu, Enalcaccia, Arcicaccia, Italcaccia, Fidc, Anlc) insieme alla Regione Emilia-Romagna in seguito al parere negativo dell’Ispra alla delibera della Regione Emilia-Romagna – con cui si
riproponeva la caccia con le stesse modalità degli ultimi due anni – e della richiesta dell’Unione europea alle Regioni di uniformarsi ai pareri dell’Ispra, pena sanzioni e tagli ai fondi comunitari.
Forti critiche sono state espresse dalle associazioni regionali firmatarie del documento nei confronti del governo – che non ha ancora emanato le direttive nazionali in materia di caccia in deroga – e
dell’Ispra: da un lato l’Istituto ha documentato che lo storno in Italia può essere cacciabile, e al tempo stesso ha espresso parere negativo sulla proposta dell’Emilia-Romagna.
Tutti i firmatari del documento chiedono quindi al governo – nello specifico, al ministro delle Politiche agricole e al ministro dell’Ambiente – di emanare a breve le direttive, di agire in sede comunitaria per inserire lo storno tra le specie cacciabili, di dare indicazioni chiare all’Ispra e di convocare urgentemente un incontro con
tutte le Regioni e con le parti interessate per definire con chiarezza come svolgere la gestione della caccia in deroga allo storno per la stagione 2011 – 2012.
“Al momento – è il commento dell’assessore regionale all’Agricoltura e Attività faunistico-venatoria Tiberio Rabboni – l’unico provvedimento che ci è consentito è la delibera sulla caccia allo storno in deroga,
che ci apprestiamo ad adottare come giunta, così come l’Ispra ci ha imposto di formulare. E dunque con forti limitazioni. Limitazioni che susciteranno indubbiamente scontento tra le associazioni degli agricoltori e del mondo venatorio. Ci attendiamo – prosegue l’assessore – che le richieste al governo da parte delle associazioni regionali vengano accolte; in questo caso integreremo il nostro provvedimento, ripristinando le modalità di caccia degli ultimi due anni. Nel frattempo – conclude Rabboni – sollecitiamo le altre Regioni italiane, i parlamentari della Commissione Agricoltura di Camera e Senato, nonché l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna, a sostenere le richieste contenute nel documento siglato”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.