L’orsetta Dea, dal Salento al Giappone, ghiotta di olio extravergine di oliva

Ha fatto il giro del mondo la curiosa e tenera notizia giunta due giorni fa da Tokyo secondo cui l’orsetta “Dea”, nata a Fasano, nel Salento, e trasferita in Giappone due settimane fa, ha ricominciato a mangiare regolarmente solo quando le hanno servito i pasti conditi con olio extravergine d’oliva, il nutrimento simbolo della “Dieta Med-Italiana” (dieta mediterranea italiana), il regime alimentare e lo stile di vita proposto e spinto negli ultimi mesi da alcuni studenti del Costa di Lecce i quali hanno lanciato la tripla A di agricoltura, alimentazione e ambiente.
«Dopo essere arrivata qui le abbiamo dato carne di cavallo che ci avevano detto essere l’alimento preferito», spiega Mikako Kaneko, funzionaria del dipartimento Educazione e Stampa dello Ueno Zoo di Tokyo, il più antico del Giappone. La giovane femmina sembrava essere senza appetito, nonostante i 10
kg di cibo quotidiani di cui necessita, tra un po’ di pesce, verdure (come pomodori, carote e insalata) e almeno 8 kg di carne fresca, un ottimo ‘sashimì di cavallo. «Allora ci siamo chiesti: viene dall’Italia, dalla Puglia, che cosa possiamo darle? Abbiamo provato con un filo di olio d’oliva e da allora ha funzionato», ha raccontato Kaneko ai giornalisti dell’ANSA.
Dea, nata il 2 dicembre del 2008 nello Zoo Safari di Fasano, in provincia di Brindisi (Salento), è da alcuni giorni in assoluto la star di “Mare per orsi polari e foche”, la sezione del grande parco della capitale giapponese rinnovata a ottobre del 2011. Ha sostituito Reiko, una femmina morta lo scorso febbraio all’età di 28 anni. Dea è giunta nel Giappone il 16 marzo scorso, appena due settimane fa, con un volo cargo da Milano Malpensa. Particolare la notizia che la sua terra d’origine non sia il Circolo polare Artico bensì la calda e assolata terra di Puglia, accogliente per natura. Anche se l’orsetta è in Giappone da pochi giorni, pare essersi comunque già ambientata nella nuova casa, pur se lontana dai genitori rimasti in Puglia, oltre ad essere già visitatissima, al punto da insidiare la corteggiata
coppia di panda giganti presi in prestito dalla Cina. Dea non è l’unica orsa polare nata nello zoo Safari di Fasano, fa parte, infatti, di una cucciolata di tre orsetti, nati tre anni fa. I suoi due fratelli, Noel e Snowy sono già da tempo ospitati rispettivamente negli zoo di Copenaghen e in quello di Monaco. Da Monaco, dove Snowy è stata ribattezzata Giovanna in omaggio alla sua origine italiana, la sorellina di Dea è stata prestata per qualche tempo allo zoo di Berlino ed è diventata famosa per essere stata fidanzata con il famosissimo orso Knut che qualche anno fa ha commosso mezza Europa perché, abbandonato dai genitori, fu adottato e salvato dagli operatori del parco.
«E’ troppo simpatica, è un amore – annunciano i giovani della 3B della scuola leccese – non ci abbiamo messo più di un minuto per decidere di assegnare a Dea la nomina di “Ambasciatrice della Dieta
Med-Italiana in Giappone”. Se fosse minimamente possibile, ci piacerebbe da morire poterla invitare a fine maggio presso il Festival che stiamo organizzando qui a Lecce. Sapere che Dea ha ricominciato a mangiare con appetito e regolarmente solo quando, fortunatamente, ai responsabili dello
zoo è venuto in mente di condire i suoi pasti con il buonissimo e sanissimo olio extravergine d’oliva, ci ha dato un’ulteriore carica nel voler gridare al mondo intero che la dieta mediterranea italiana (da noi contratta in “dieta med-italiana”) è in assoluto il regime alimentare più indicato per mangiare bene, per essere sani e per rispettare l’ambiente; è la nostra tripla A: agricoltura, alimentazione, ambiente. Ecco perché d’ora in poi chiameremo l’orsetta nipponica “Dea della Dieta Med-Italiana”».
Gli Ueno Zoological Gardens di Tokyo sono stati fondati nel 1882 – «appena tre anni prima della fondazione della nostra scuola, avvenuta nel 1885», fanno simpaticamente notare gli studenti di Lecce. In questi 130 anni di vita, lo zoo è cresciuto molto, raggiungendo un’estensione di 14 ettari. Oggi ospita più di 2600 animali di 464 diverse specie. Coopera con i maggiori zoo in tutto il mondo (Beijing Zoo – Cina, San Diego Zoo – Usa, Chapultepec Zoo – Messico) ed ora anche con il più grande parco faunistico d’Italia, lo Zoo Safari di Fasano.

Ricordiamo che la Dieta Med-Italiana (in inglese Med-Italian Diet) è un brand con cui i giovani salentini, promotori del movimento “Repubblica Salentina”, stanno mettendo in piedi una nuova e incisiva strategia di marketing, capace di tradurre in business l’importantissimo riconoscimento mondiale della dieta mediterranea quale “patrimonio immateriale dell’umanità” da parte dell’Unesco. L’idea è quella di far comprendere ad inglesi, americani, tedeschi, canadesi e al resto del mondo che l’ultracentenario stile alimentare italiano è in assoluto il regime più indicato per nutrirsi in maniera sana, per prevenire e combattere malattie importanti (ipertensione, arteriosclerosi, diabete, malattie cardiovascolari, obesità, …), per mangiare bene senza rinunciare al gusto e, infine ma non meno importante, per raggiungere la sospirata sostenibilità ambientale.

Un Commento in “L’orsetta Dea, dal Salento al Giappone, ghiotta di olio extravergine di oliva”

  • Paolo Sordo scritto il 3 aprile 2012 ammartedìTuesdayEurope/Rome 9:26

    Anche questo simpatico avvenimento, riporta in auge la grande valenza della qualità dei prodotti alimentari italiani.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.