Macchine agricole: mercato in crescita nell’area mediterranea,indagine ad Agrilevante

agrilevante Foto inaugurazionePresentata ad Agrilevante un’indagine di Nomisma/FederUnacoma sul mercato dei trattori e delle macchine operatrici nei Paesi del bacino mediterraneo. Le importazioni di macchinario agricolo risultano in netta crescita nel 2014 e nella prima metà del 2015. L’industria italiana protagonista con consistenti quote di mercato in vari Paesi, ma un peso crescente assumono nell’area anche le importazioni da Paesi emergenti come la Cina e l’India.
L’economia agricola e il mercato dei trattori e delle macchine per le operazioni colturali sono in pieno rilancio nell’area mediterranea. Dopo la fase recessiva iniziata nel 2008 con la crisi economica internazionale, aggravata nel 2010 con le tensioni politiche e militari legate alla Primavera Araba, la vasta area che comprende l’Europa meridionale, i Balcani, il Medioriente e l’Africa settentrionale torna a crescere e prospetta buone opportunità di business soprattutto per le industrie italiane.
I dati più recenti – contenuti in un’indagine realizzata da Nomisma e FederUnacoma, e presentata questa mattina a Bari in occasione dell’apertura della rassegna internazionale di Agrilevante – indicano infatti una ripresa dell’agricoltura e di conseguenza una crescita della domanda di macchine e attrezzature specifiche molto consistente in tutti i principali Paesi.
In Algeria le importazioni di trattori sono cresciute del 31% nel 2014, e registrano un’ulteriore crescita del 18% nei primi sei mesi del 2015; in Egitto le importazioni di trattori hanno avuto un incremento del 26% nel 2014 e del 33% nel primo semestre di quest’anno; la Turchia registra nei primi sette mesi del 2015 una crescita delle importazioni del 48%, mentre il valore delle importazioni in Iran cresce di quattro volte (da 5 a 21 milioni di dollari) nei primi otto mesi di quest’anno. Dinamiche positive interessano anche Tunisia, Marocco, Israele, Spagna, e buoni riscontri si hanno, oltre che per i trattori, per le altre tipologie di macchine e attrezzature.
In questo scenario – ha spiegato nel corso della conferenza stampa d’apertura il presidente di FederUnacoma Massimo Goldoni – l’Italia ha un ruolo di primo piano, per la favorevole posizione geografica, ma soprattutto per la qualità e per l’ampiezza di gamma dei mezzi meccanici prodotti nei distretti industriali del Paese. L’Italia risulta già oggi primo esportatore di trattori in Marocco (40% del mercato), in Tunisia (45% del mercato) e in Israele (29% del mercato), e secondo esportatore in Turchia (22% del mercato) e in Spagna (26% del mercato).
L’industria italiana è in grado di soddisfare la crescente domanda di tecnologie nell’area mediterranea – ha concluso Goldoni – ma deve essere sostenuta con strategie di marketing e comunicazione in grado di valorizzare la qualità dei prodotti “made in Italy”, e di contrastare l’ascesa di sistemi industriali emergenti, vedi in particolare quelli di Cina ed India, che stanno penetrando rapidamente sui mercati del mediterraneo e che in vari Paesi – vedi Egitto, Iran, Turchia, Marocco ed anche Spagna – si collocano ormai ai primi posti, con cospicue quote di mercato.
Mercato delle macchine agricole nell’area mediterranea
Sintesi indagine Nomisma/FederUnacoma – Bari, 15 ottobre 2015

La rassegna internazionale di Agrilevante, la più importante esposizione di macchine e tecnologie per l’agricoltura dell’intera area mediterranea – organizzata da FederUnacoma e Fiera del Levante – si svolge in un contesto di mercato particolarmente dinamico e interessante. Dopo la crisi legata alla Primavera Araba del 2010, che ha comportato una drastica contrazione delle economie dell’Africa settentrionale e del Medioriente, con difficoltà per il settore primario e con il crollo anche del mercato delle macchine e delle attrezzature per l’agricoltura, il quadro generale appare finalmente promettente.
Uno scenario positivo
I dati sull’economia agricola e sulle importazioni di trattrici e macchine operatrici – appositamente elaborati da Nomisma su incarico di FederUnacoma in occasione di Agrilevante – indicano oggi una ripresa significativa in Paesi chiave come l’Algeria, l’Egitto, l’Iran, il Marocco, la Tunisia. Nello stesso tempo, altri importanti Paesi – in differenti contesti economici – registrano un significativo sviluppo dell’agricoltura e quindi del mercato della macchine, vedi in particolare la Spagna, che dopo la crisi del 2008 si avvia verso una consistente ripresa, oppure la Turchia, che si sta imponendo come una delle economie emergenti di maggiore peso.
L’area mediterranea è molto importante per l’industria delle macchine agricole, perché la gran parte dei Paesi del bacino esprime una domanda crescente di tecnologie senza però possedere una industria locale capace di soddisfare questa domanda. I Paesi produttori di macchine e attrezzature agricole sono dunque chiamati a contribuire alla crescita delle economie agricole dell’area, e a sviluppare le sempre maggiori opportunità di cooperazione tecnica ed economica con i tanti Paesi della regione.
L’Italia piattaforma per il Mediterraneo
Fra le nazioni produttrici, un ruolo di primo piano spetta all’Italia, non soltanto per la sua grande tradizione nella produzione di macchine agricole e per la sua collocazione geografica, ma per la ricchezza della sua gamma di prodotti, rivolti a qualsiasi tipo di lavorazione e a qualsivoglia contesto ambientale e socioeconomico. Le agricolture dell’area mediterranea presentano una grande varietà di produzioni, dai seminativi all’olivicoltura, dalla coltivazione degli ortaggi alla frutticoltura, fino agli allevamenti, soprattutto di bovini, ovini e pollame, che necessitano tutte di tecnologie specifiche, necessarie fra l’altro al conseguimento di quegli standard qualitativi che consentono ai Paesi produttori di accedere ai mercati più esigenti e remunerativi.
L’esposizione di Agrilevante, che registra quest’anno il record in termini di aziende partecipanti, di superficie impegnata, di delegazioni estere, è davvero una piattaforma ideale per cogliere le opportunità offerte dalla nuova favorevole congiuntura, e costituisce un esempio di buona programmazione. Nata nel 2009, nel pieno della crisi economica internazionale e alla vigilia della crisi anche politica della Primavera Araba, la rassegna di Agrilevante ha rappresentato fin dall’inizio un investimento per il futuro, nella convinzione che i mercati mediterranei avrebbero prima o poi superato la congiuntura negativa e sarebbero tornati ad essere protagonisti sulla scena economica. L’intuizione era giusta, e l’edizione che si apre aggi a Bari promettere di inaugurare un ciclo davvero dinamico e proficuo per tutti.
La ripresa nordafricana
Algeria
Con una crescita complessiva del Pil nel 2014 pari al 3,7%, l’Algeria mostra importanti segnali di ripresa nei vari settori economici, e in particolare nell’agricoltura con la conseguente crescita della domanda di macchinari per le lavorazioni. Nel corso del 2014 le importazioni di trattrici in Algeria sono aumentate complessivamente del 31%, e quelle delle macchine operatrici sono cresciute del 22%. L’andamento dei primi sei mesi del 2015 indica un’ulteriore crescita per le trattrici (+18%), che fa prevedere incrementi anche per le altre tipologie di mezzi. In questo processo l’Italia ha un ruolo di primo piano, ponendosi come terzo esportatore di trattrici in Algeria, con una quota di mercato pari al 9%, e con un incremento vistoso dei volumi esportati nel 2014 (+31%) che fa prevedere per gli anni prossimi un posizionamento ancora migliore. Per quanto riguarda le macchine operatrici la performance italiana risulta ancora più positiva, con un incremento delle esportazioni nel 2014 del 33%, che pone il nostro Paese al primo posto tra gli esportatori, con una quota di mercato pari al 17%.
Egitto
Anche l’Egitto, Paese chiave dal punto di vista economico e demografico (entro quest’anno la popolazione dovrebbe superare i 90 milioni di persone), registra una significativa ripresa economica, e un’importazione di trattrici che ha visto nel 2014 una crescita del 26% e che nel primo semestre 2015 segna un ulteriore vistoso incremento (+33%). Le esportazioni italiane, dopo aver subito una contrazione nel corso del 2014 che ha visto scivolare l’Italia al quarto posto fra i Paesi fornitori sia per le trattrici sia per le altre macchine agricole, registrano incrementi significativi nei primi sei mesi del 2015, soprattutto per le macchine operatrici che segnano un +14% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.
Tunisia
Per quanto riguarda la Tunisia – Paese che basa la propria economia agricola sulla coltivazione dell’olivo, oltre che sulla produzione di latte, carne di pollo e datteri – le stime economiche prevedono, dopo la stasi degli ultimi anni, una crescita sostanziosa per il periodo 2016-2020. In Tunisia il mercato delle macchine agricole registra un andamento di lungo periodo decisamente positivo, a riprova della volontà del Paese di sviluppare le dotazioni tecnologiche, con un ruolo di primo piano dell’Italia, che si colloca al primo posto tra i partner commerciali con una quota pari al 45% del mercato delle trattrici e pari al 22% del mercato delle altre macchine agricole.
Marocco
Meno positiva è la congiuntura per quanto riguarda il Marocco, che sconta una contrazione dell’attività agricola e che registra una riduzione delle importazioni di macchine da tutti i Paesi, eccezione fatta per la Spagna che nel 2014 ha avuto un andamento positivo delle proprie esportazioni. Al di là della battuta d’arresto verificatasi nel 2014 e dell’andamento ancora negativo nei primi sei mesi di quest’anno, la meccanica agricola italiana mantiene una posizione di assoluto rilievo in Marocco, collocandosi al primo posto nella classifica delle esportazioni per quanto riguarda le trattrici (con una quota di mercato pari al 40%), e al secondo posto (dopo la Spagna) per quanto riguarda le altre macchine agricole, con un 20 % del mercato.
I Paesi chiave del Medioriente
Iran
Nell’area mediorientale, particolarmente importante risulta l’Iran, Paese che dopo due anni di recessione ha registrato nel 2014 una crescita del Pil pari al 2% e che dovrebbe tornare a crescere in modo più sostanzioso dall’anno prossimo a fronte della cessazione delle sanzioni commerciali (Joint Plan of Action). Un chiaro segno della ripresa si coglie già nei primi otto mesi del 2015, che vedono quadruplicate le importazioni di trattrici (21 milioni di dollari), con l’Italia quarto fornitore e in netta crescita in termini di fatturato, passato negli otto mesi dagli 1,5 milioni di dollari del consuntivo 2014 alla cifra di 5,2 milioni. Diverso andamento caratterizza, per il momento, le altre macchine agricole, che negli otto mesi segnano un calo delle importazioni del 20%, con una flessione anche dei prodotti italiani che si collocano comunque al quarto posto nella classifica del Paese.
Israele
Nell’area mediorientale particolare attenzione deve essere riservata ad Israele, che esprime un’agricoltura d’avanguardia e che vede una crescita costante, da dieci anni a questa parte, anche nelle importazioni di macchinario agricolo. Nel periodo compreso tra il 2014 e il primo semestre del 2015 le importazioni appaiono in calo per le trattrici ma in netta crescita per le macchine operatrici. Preminente sul mercato israeliano è la posizione dell’Italia – primo esportatore di trattrici (29% del mercato), e secondo esportatore di macchine operatrici (10% del mercato) – con una prospettiva di ulteriori incrementi negli anni a venire sulla spinta di un’economia che anche nel prossimo futuro manterrà un trend crescente.
Il fenomeno della Turchia
Fra i nuovi mercati un posto di grande importanza spetta alla Turchia, Paese che negli ultimi anni si è imposto come uno dei più attivi nell’acquisto di trattrici e mezzi agricoli, e che emerge anche per capacità produttiva in forza di un’industria del settore in fase di sviluppo. Complessivamente, il Pil dovrebbe crescere costantemente nei prossimi cinque anni ad un tasso del 4% annuo, con uno sviluppo consistente anche dell’attività agricola – basata principalmente su frumento, latte vaccino, carne bovina e pomodoro – e quindi della domanda di macchinario. Negli ultimi dieci anni il valore delle importazioni di trattrici è raddoppiato, e nei primi sette mesi del 2015 si registra una crescita delle importazioni pari al 48% rispetto allo stesso periodo 2014. In questo Paese l’Italia si pone come secondo partner commerciale per le trattrici (dopo l’India), con il 22% del mercato, mostrando una crescita consistente delle proprie esportazioni nel 2014, e soprattutto nei primi sette mesi 2015 con un incremento addirittura del 75%.

L’Europa mediterranea
Tra i Paesi del Mediterraneo ai quali la rassegna di Agrilevante si rivolge prevalentemente, vanno compresi anche quelli dell’Europa meridionale, in modo particolare la Francia e la Spagna, vale a dire le due nazioni del continente con la maggiore superficie agricola utilizzata, caratterizzate da una cospicua importazione di mezzi meccanici (la Francia, in particolare, è il Paese d’Europa con i maggiori volumi assoluti di macchinario agricolo importato dall’estero).
Francia
Il Paese transalpino vive da lungo tempo una stagnazione dell’economia primaria, che non ha impedito tuttavia l’espansione del mercato delle macchine agricole negli ultimi anni, ridimensionata in parte dai cali registrati nel 2014 e nei primi mesi del 2015. Lo scorso anno, infatti, il mercato francese delle trattrici ha chiuso il bilancio con un calo complessivo delle importazioni pari al 24%, e una riduzione dei volumi da tutti i Paesi, compresa l’Italia che vede un passivo del 29%, pur mantenendo la seconda posizione assoluta come partner commerciale del Paese, dopo la Germania. Anche nei primi sette mesi del 2015 il mercato si presenta in calo (complessivamente -23%), e le importazioni dall’Italia segnano un decremento del 13%. Migliore la situazione per quanto riguarda le macchine agricole operatrici – soprattutto macchine per lo spostamento e il trasporto, la raccolta e prima lavorazione dei prodotti – che registrano comunque nel 2014 un calo intorno al 5%, e che vedono ancora l’Italia al secondo posto dopo la Germania. La posizione di primo piano, e la consolidata tradizione dei rapporti commerciali tra Francia e Italia fanno ritenere che la ripresa economica transalpina, prevista a partire dell’anno prossimo e destinata a durare per qualche anno, sarà l’elemento decisivo per un ulteriore sviluppo delle relazioni commerciali tra i due Paesi.
Spagna
Ripresa già in atto invece in Spagna, che dopo la recessione economica del periodo 2009-2013, che ha comportato un drastico ridimensionamento anche del mercato delle macchine e attrezzature agricole, ha visto un’inversione di rotta già nel 2014 facendo prevedere tassi di crescita generale intorno al 2% per i prossimi cinque anni. Nel 2014 le importazioni di trattrici in Spagna hanno avuto un incremento complessivo del 16%, con un ruolo importante dell’Italia che cresce del 15%, consolidando il proprio posizionamento al secondo posto dopo la Germania, con una quota pari al 26% del mercato. Analogo andamento si è registrato nel 2014 per le altre macchine agricole, con incrementi nelle importazioni, e con l’Italia confermata al secondo posto dopo la Germania. I riscontri del primo semestre di quest’anno indicano una generale flessione delle importazioni, ma il trend di medio periodo dovrebbe mantenersi positivo.
Una strategia per la meccanica agricola
Lo scenario complessivo del Mediterraneo appare dunque, per la meccanica agricola, positivo nell’attuale congiuntura e promettente per il prossimo futuro. L’Italia è chiamata ad un ruolo di primaria importanza, sia per la sua posizione geografica, propizia per gli scambi commerciali, sia per il livello tecnico della sua produzione. La prospettiva di crescita è dunque concreta, ma deve essere accompagnata da una sufficiente stabilità politica nei Paesi interessati, e da una precisa strategia commerciale, volta a valorizzare la meccanica di qualità contrastando il rischio di una troppo rapida diffusione di tecnologie prodotte in Paesi emergenti e proposte con una politica di prezzo aggressiva. Se guardiamo alla posizione che un Paese come la Cina ha assunto in pochi anni nelle nazioni “target” del Mediterraneo – primo esportatore di trattrici e macchine agricole in Egitto, secondo esportatore di trattrici in Iran, primo esportatore di macchine operatrici in Turchia e in Iran, secondo esportatore di macchine operatrici in Algeria e in Tunisia, quarto esportatore di macchine operatrici in Spagna – o la posizione che ha assunto l’India – primo esportatore di trattrici in Turchia, secondo esportatore di trattrici in Marocco e in Tunisia – ci rendiamo conto di come importante sia presidiare questi mercati in modo rapido e costante, con prodotti mirati e reti di assistenza efficienti.
Promozione e innovazione per l’economia mediterranea
Una funzione fondamentale, in questo contesto, è quella svolta dagli eventi fieristici, che costituiscono la piattaforma per lo sviluppo delle relazioni d’affari, e che offrono una panoramica delle migliori tecnologie consentendo agli operatori economici di confrontare le soluzioni proposte dalle case costruttrici. La rassegna di Agrilevante, che proprio nel momento di crisi dell’economia mediterranea ha scelto di puntare sulla internazionalità e di scommettere sulla ripresa economica dell’area, si presenta oggi come l’evento di riferimento, la meta imprescindibile per quanti – oggi e negli anni futuri – vogliono partecipare al processo di sviluppo dell’economia agricola di un’area che sta facendo emergere le sue straordinarie potenzialità.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.