Mafia, un flagello anche per l’agricoltura: tra furti e pizzo un business da 50 miliardi di euro


L’agricoltura e’ sempre piu’ ostaggio della criminalita’ organizzata e dei suoi loschi affari: sono piu’ di 150 i reati che si contano giornalmente nelle campagne e un agricoltore su tre e’ colpito da furti, racket, usura, pizzo e aggressioni. Un fenomeno in crescita in tutta Italia che alla ‘Mafia Company’ vale un business da 50 miliardi di euro. La denuncia arriva dalla Cia-Confederazione italiana agricoltori che, in occasione della sua assemblea elettiva in svolgimento a Roma, ha presentato il terzo rapporto sulla ‘Criminalita’ in agricoltura’. L’agricoltura italiana – evidenzia la Cia – e’ sempre piu’ terrorizzata da mafia, camorra, sacra corona unita, ‘ndrangheta che nel settore trovano terreno fertile per il loro business. Un fenomeno che fino a pochi anni fa si riscontrava soltanto alle regioni del Sud, ma che adesso si sta espandendo in tutta Italia, in particolare nelle aree del Nord. Al primo posto, per numero, troviamo tra i reati i furti di attrezzature e di mezzi agricoli. Il racket e’ al secondo posto. Segue a debita distanza l’abigeato, un reato antico, ma in continua crescita. Ogni anno circa 100.000 animali spariscono, la gran parte destinata alla macellazione clandestina. Ma sono l’abusivismo edilizio e le ecomafie a far soprattutto ricche le mafie, con un giro d’affari quantificabile, rispettivamente, in 20,5 miliardi e 16 miliardi di euro. Non meno grave – sottolinea la Cia – e’ il ‘caporalato’, con lo sfruttamento, da parte della criminalita’ organizzata, soprattutto di extracomunitari – come la vicenda Rosarno ha di recente messo in risalto – molti dei quali irregolari. Meno frequenti, ma presenti, sono i furti di centraline per l’irrigazione, soprattutto nelle regioni dove c’e’ il problema cronico della carenza d’acqua. Per le stesse ragioni, si verificano allacciamenti abusivi ed estrazione dell’acqua da pozzi non regolari. Crescente e’ anche la minaccia di cedere i raccolti dei prodotti a prezzi ‘stracciati’. Per quanto riguarda le discariche abusive e il traffico illecito dei rifiuti, il fenomeno, sempre piu’ in espansione, si riscontra in quasi tutte le regioni, assumendo dimensioni nazionali e transnazionali.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.