Mais ogm per contrastare la carenza di mangimi

mais 1Sul mercato europeo c’e’ un rischio di approvvigionamento di proteine vegetali per alimentare gli animali d’allevamento, a lanciare l’allarme al consiglio dei ministri dell’agricoltura a Bruxelles è stata la commissaria europea all’agricoltura, Mariann Fischer Boel, che per assicurare le forniture necessarie alla produzione di mangimi avrebbe suggerito di accelerare l’approvazione di due mais Ogm (Mon 88-0-17 e Mir 604) che hanno gia’ ottenuto un parere scientifico positivo da parte dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa). Tuttavia, la richiesta di autorizzare i due nuovi mais, che riguardano la commercializzazione degli alimenti, non e’ riuscita a riunire tra i 27 stati membri, a livello tecnico, ne’ una maggioranza a favore, ne’ una contraria. Nell’Ue otto paesi sono tendenzialmente favorevoli: Belgio, Olanda, Danimarca, Portogallo, Regno Unito, Spagna e Repubblica Ceca. Tendenzialmente contrari invece Austria, Cipro e Polonia. La palla e’ ora nel campo della presidenza svedese che deve decidere se portare la proposta di autorizzazione dei due Ogm sul tavolo del consiglio dei ministri dell’Ue. La situazione dell’approvvigionamento di proteine vegetali nell’Ue si e’ aggravata nell’estate quando sono stati bloccati in porti tedeschi, spagnoli e danesi sei carichi di soia pari a 200.000 tonnellate provenienti dagli Usa in cui erano presenti tracce di mais Ogm non autorizzati nell’Ue. Non e’ la prima volta che questo avviene ma quest’anno il problema – ha spiegato ai partner europei la commissaria – e’ rafforzato dalla diminuzione dei raccolti in America latina, ed in particolare dal calo del 30% della produzione di soia in Argentina. A questo si aggiunge l’aumento della domanda da parte della Cina.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.