Maltempo: a rischio la stagione del carciofo sardo

Piogge violente e tardive associate a temperature elevate stanno condizionando negativamente l’apertura della stagione del carciofo in Sardegna. I coltivatori lamentano i deprezzamenti del prodotto commerciale in quanto il clima sta influendo sulle sue caratteristiche merceologiche: pianta molto ramificata, capolini piccoli, irregolarita’ sullo sviluppo. La domanda di prodotto nelle principali piazze ha subito nelle ultime settimane forti rallentamenti e si teme che i prezzi possano diminuire al punto di non remunerare i costi di produzione. L’allarme arriva dalla Coldiretti che parla di “situazione che potrebbe diventare drammatica se si pensa che i costi di trasporto, confezionamento, mediazione e facchinaggio dei carciofi incidono per il 50%, per cui i ricavi dei produttori si riducono a pochi centesimi per capolino”.
A tale situazione – si legge in una nota – si aggiungono i maggiori costi di produzione, che sono saliti di circa il 30% facendo assottigliare ulteriormente la remunerazione per l’imprenditore.
In Sardegna il carciofo rappresenta la principale produzione orticola con fatturati che arrivano sino a 120 milioni di euro e produzioni di 480 milioni di capolini. I produttori, che sono oltre 3.000, minacciano di estirpare le produzioni in corso in quanto i ricavi non coprirebbero i costi. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.