Maltempo: Cia, al Nord la campagna è in ritardo di un mese

mais 2
Ritardano di un mese tutte le coltivazioni nelle campagne del Nord, dove si teme soprattutto per il mais e l’ortofrutta, con raccolti previsti in calo rispettivamente fino al 40% in Lombardia, Piemonte e Veneto e del 10%. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori a proposito dei danni causati dall’ondata di maltempo, sottolineando che, dopo la siccità dell’annata 2012-2013 che ha bruciato circa il 30% della produzione nazionale, quest’anno si puntava ad un aumento delle superfici dedicate a questa coltura, complici anche i prezzi interessanti. In queste ore, continua la Cia, si teme specialmente per le aree agricole a ridosso del Po, dove il livello idrometrico continua a salire, ma sono tante le campagne allagate in tutto il Nord, dove fango e acqua impediscono ai produttori di entrare in campo con i trattori; il rischio è di perdere tutto il primo raccolto delle foraggere, che comincia a marcire nei campi. A scontare gli effetti degli allagamenti e dei fenomeni di asfissia del terreno, spiega la Cia, sono anche gli orticoli coltivati in pieno campo, soprattutto le fragole, i meloni e i tuberi; la grandine e i temporali violenti, aggiunge la Cia, hanno danneggiato i tanti frutteti in fioritura che rischiano di perdere il 10% del prodotto. Molto spesso, infatti, in questa fase o in quella di prima fruttificazione, le piogge molto intense influiscono sulla potenzialità produttiva delle piante, abbassandone le rese.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.