Maltempo: Cia, in molte zone manca il presidio dell’agricoltore


“L’emergenza maltempo torna a flagellare l’Italia, colpendo questa volta il Sud. Ma se è vero che i fenomeni meteorologici di questi giorni sono eccezionalmente intensi, è fuori ogni dubbio che la situazione è, ancora una volta, notevolmente aggravata dall’alta criticità idrogeologica del Paese, che interessa due comuni su tre”. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, esprimendo cordoglio per le vittime della frana di Saponara e solidarietà a tutta la popolazione del Messinese e del Catanzarese coinvolta nell’alluvione. “Poco si è fatto in questi anni per tutelare il territorio ed evitare l’abbandono da parte degli agricoltori, la cui opera di presidio e di manutenzione in certe zone è fondamentale”, spiega la Cia, sottolineando che “negli ultimi quarant’anni quasi il 30% delle campagne è stato abbandonato o coperto dal cemento. Solo nell’ultimo decennio l’agricoltura ha perso una superficie di terra coltivabile di oltre 19.000 km quadrati. Senza contare che dal 1950 a oggi si sono spesi più di 200 miliardi di euro per riparare ai danni causati dalle calamità naturali”. La confederazione agricola osserva che “sarebbe bastato destinare il 20% per cento di questa cifra a opere di manutenzione del territorio per limitare le disastrose conseguenze e soprattutto le perdite umane”. Non solo. “Sono circa un milione gli immobili abusivi, spesso costruiti non a norma e, quindi, a grave rischio in presenza di una calamità naturale”. “Per evitare il ripetersi di tragedie serve una rinnovata attenzione”, precisa la Cia sottolineando che “occorre una politica con la quale puntare a una vera salvaguardia del territorio con risorse adeguate. Una politica che garantisca il presidio da parte dell’agricoltore, la cui attività è necessaria soprattutto nelle zone marginali. Bisogna varare interventi concreti per mettere in sicurezza interi paesi minacciati da frane e da smottamenti. Il problema della tutela del territorio e dell’ambiente non può più essere trascurato”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.