Maltempo: Cia, incuria e no prevenzione; in 60 anni spesi 55 mld

franaNegli ultimi 60 anni sono stati spesi circa 55 miliardi di euro per riparare i danni causati da calamita’ naturali; sarebbe bastato destinare il 20 per cento di questa cifra ad opere di manutenzione del territorio per limitare le disastrose conseguenze e soprattutto le perdite umane. E’ quanto evidenzia la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito ai recenti eventi alluvionali che hanno colpito in particolare Toscana e Liguria e che ripropongono con forza le tematiche legate all’assetto idrogeologico e alla sicurezza delle persone e delle attivita’ produttive, soprattutto in agricoltura.
Il maltempo degli ultimi giorni -fa notare la Cia- ha prodotto solo nel settore agricolo danni per milioni di euro. Da qui la richiesta della dichiarazione dello stato di calamita’. Specialmente in Toscana gli effetti sulle campagne sono stati devastanti. Strutture aziendali agricole (stalle, serre, cascine, magazzini, cantine) e terreni sono finiti sott’acqua, non solo per i violenti nubifragi, ma anche per le esondazioni di fiumi e canali; mentre smottamenti e frane hanno causato pesanti difficolta’ alla circolazione nelle strade rurali completamente allagate. Danneggiati campi coltivati a cereali, oliveti, vivai e vigneti. Conseguenze negative si registrano pure per gli allevamenti. Stesso discorso per la Liguria dove si sta facendo un primo monitoraggio. Un quadro estremamente allarmante che evidenzia -rileva la Cia- l’esigenza di una valida opera di prevenzione.
Basta citare alcuni dati per comprendere la delicatezza del problema: oggi 8 comuni su 10 sono in aree ad elevata criticita’ idrogeologica; oltre 700 mila sono gli immobili abusivi, spesso costruiti non a norma e, quindi, a grave rischio in presenza di una calamita’ naturale. Ecco perche’ -riafferma la Cia- accanto agli interventi legati all’emergenza, necessaria ed urgente, appare sempre piu’ indispensabile un’azione coordinata e programmata del Governo e delle Regioni volta all’attivita’ di prevenzione dei disastri naturali. Il ripetersi ciclico degli eventi calamitosi non puo’ portare alla rassegnazione perche’ essi sono incontrollabili e ineluttabili. Al contrario, e’ necessario superare atteggiamenti passivi o superficiali, adottando strategie dinamiche di progetto e di azione, attraverso gli strumenti ordinari della programmazione: progettare in sicurezza per assicurare un territorio tutelato e al tempo stesso produttivo.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.