Maltempo: Coldiretti, allarme gasolio per riscaldamento serre


In Italia rischia di essere azzerata la produzione in serra di fiori e piante ornamentali e di ortaggi per effetto dell’insostenibile aumento del costo del gasolio destinato al riscaldamento delle serre reso necessario dal freddo e gelo di un inverno da record. E’ la Coldiretti a lanciare l’allarme sull’aumento del 22 per cento del costo del gasolio destinato alle serre per effetto del mancato ripristino dell’accisa agevolata sul gasolio agricolo, che non ha ancora trovato soluzione negli ultimi provvedimenti all’esame del Parlamento.
L’aumento del costo del gasolio – denuncia la Coldiretti – rischia di mettere in difficolta’ tutto il settore che interessa oltre 30.000 ettari di coltivazioni specializzate, posizionate in tutta Italia, che producono fiori e piante ornamentali ed ortaggi che si e’ dimostrato essere uno dei piu’ dinamici e positivi per l’economia italiana, capace di generare un saldo attivo per l’Italia pari a oltre 150 milioni di euro.
In alcuni casi il riscaldamento e’ utilizzato in maniera continuativa per tutto l’inverno, in altri casi, soprattutto nelle zone favorite dal clima piu’ mite, gli impianti vengono accesi solo in caso di repentino abbassamento delle temperature sotto una soglia termica variabile in funzione del tipo di coltivazione , ma in un inverno cosi’ freddo, gli impianti sono costretti a funzionare in continuo.
L’agevolazione sul gasolio – sostiene la Coldiretti – e’ fondamentale per la competitivita’ delle imprese che si devono confrontare sul mercato con partner comunitari per i quali il costo dell’energia e’ inferiore e dove vengono erogate agevolazioni per abbattere il costo delle fonti energetiche, per non parlare dei paesi extracomunitari favoriti da un clima piu’ caldo.
La sospensione dell’esenzione dall’accisa per il gasolio utilizzato in serra potrebbe essere la decisione che porta a chiudere attivita’ minate nel corso degli anni dalla concorrenza di aziende poste in parti del mondo si verifica spesso lo sfruttamento della manodopera e non ci si preoccupa della ricaduta sugli operatori, consumatori e ambiente di pratiche di coltivazione bandite dall’Unione Europea.
La Coldiretti chiede un intervento immediato per evitare un insostenibile aumento di costi per le imprese per il riscaldamento delle serre, con una soluzione, compatibile con le norme comunitarie, che possa garantire un futuro delle imprese orto florovivaistiche italiane. (AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.