Maltempo: Coldiretti chiede stato calamita’ per Lombardia

allagamenti1L’associazione degli agricoltori Coldiretti chiede lo stato di calamita’ per l’agricoltura lombarda a causa del maltempo che ha provocato la perdita di meta’ delle colture. “Il crollo delle temperature e la valanga d’acqua che si e’ abbattuta ancora questa notte sulla regione – ha spiegato il presidente di Coldiretti Ettore Prandini – hanno dato il colpo di grazia alle semine e al lavoro nei campi.
Ormai possiamo stimare perdite fra il 30 e il 50 per cento a seconda delle colture. Una stagione cosi’ non la ricordavamo da tempo. Per questo chiederemo alla Regione Lombardia e al Governo lo stato di calamita’”.Sui campi e’ un vero e proprio bollettino di guerra: la semina del mais e’ in ritardo di quasi due mesi con stime di una riduzione delle rese dal 30 al 50 cento, la semina della barbabietola da zucchero non e’ neppure cominciata ed e’ stato perso l’intero primo sfalcio di foraggio, quello che garantisce il 50% del prodotto alle stalle. Drammatica la situazione dei pomodori da industria, dove ci si attende un calo delle rese fra il 30 e il 35 per cento, con le piantine ancora da mettere a terra o semi affogate dall’acqua. Gravi perdite anche per l’ortofrutta: per mele e pere, angurie e meloni il danno oscilla fra il 30 e il 30 per cento del raccolto. Per il riso, altra coltura di punta della Lombardia, si prevede un calo di circa il 30 per cento.
Problemi anche su frumento, orzo, triticale e si registra oltre un mese di ritardo per la semina della soia. “Con una situazione del genere – ha concluso Prandini – o si attiva lo stato di calamita’ naturale oppure il comparto ricevera’ un colpo dal quale sara’ difficile riprendersi”.(AGI)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.