Maltempo: E-R, per cassa Baganza serve intero finanziamento

Parma allagataL’ipotesi individuata per realizzare la cassa di espansione del Baganza, che esondando ha allagato Parma, “comporta la necessità di realizzare l’opera nella sua interezza, per cui è indispensabile, per poter avviare i lavori, avere a disposizione l’importo totale”. Si conclude così la nota della Regione Emilia-Romagna. Ieri aveva suscitato polemiche il fatto che nell’aprile 2011 fosse stato siglato un accordo istituzionale per realizzare l’opera, che però non fu mai realizzata.
Per la cassa di espansione, spiega oggi la Regione, c’è una soluzione progettuale messa a punto da Regione, Aipo e Università di Parma e trasmessa al Ministero dell’Ambiente. Tutte le Istituzioni – Regione, Provincia, Comune di Parma, Ministero dell’Ambiente e Italia Sicura – sono impegnate e stanno lavorando insieme con l’obiettivo del finanziamento in tempi rapidi; nei prossimi giorni su questo tema è previsto un incontro tra Regione ed Enti locali. I lavori potranno partire, infatti, quando saranno trasferiti alla Regione gli 8 milioni di euro già previsti nell’Accordo di programma e reperiti gli ulteriori 20 milioni necessari per la realizzazione dell’opera. Nell’aprile del 2011, ricorda l’ente regiona, Regione, Aipo, Autorità di bacino del fiume Po, Provincia di Parma e i cinque Comuni interessati (Collecchio, Colorno, Felino, Parma e Sala Baganza) siglarono appunto un protocollo d’intesa per la sicurezza idraulica di Parma e del nodo idraulico di Colorno. Dopo l’accordo sono state avviate indagini tecniche e studi per la definizione delle opere; in particolare, attraverso la convenzione stipulata tra Aipo e Università di Parma, sono stati realizzati gli approfondimenti idraulici per verificare la soluzione più adeguata all’inserimento della cassa di espansione nel nodo idraulico complessivo di Parma-Colorno. Da questi studi è emersa l’opportunità di costruire un’unica cassa di 4,6 milioni di metri cubi di invaso (corrispondente a poco meno della metà di quella già funzionante sul torrente Parma), anziché un sistema articolato di casse, come previsto in una prima ipotesi progettuale. L’ipotesi individuata però la necessità di realizzare l’opera nella sua interezza, per cui è indispensabile, per poter avviare i lavori, avere a disposizione l’importo totale. Dal 2011 la Regione spiega di aver lavorato con i vari Governi, Ministri e oggi con Italia sicura per costruire un’ipotesi di finanziamento. In attesa del trasferimento degli 8 milioni già definiti dall’accordo, nello scorso mese di gennaio la Giunta ha ribadito al Ministero dell’Ambiente la richiesta degli ulteriori 20 milioni per completare il finanziamento dell’opera. Questa richiesta è stata inoltrata anche dall’Autorità di Bacino del Po. L’opera “è una delle priorità che in ogni caso la Regione ribadirà nel prossimo Accordo di programma che verrà siglato con il Governo nelle prossime settimane”. (ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.