Maltempo: Enpa e Lav, animali non responsabili del dissesto

nutria2Nessuna responsabilità da parte degli animali, come le nutrie, negli effetti dell’alluvione che ha colpito il Modenese nei giorni scorsi. A sostenerlo, in due note distinte, l’Enpa, ente nazionale per la protezione degli animali e la Lav, Lega antivivisezione della sede di Modena. “Dire che gli animali sono responsabili del gravissimo dissesto-idrogeologico, che da decenni ferisce il nostro territorio e che ha visto ben poche azioni di contrasto – scrive l’Enpa – è semplicemente ridicolo. E’ uno scaricabarile inaccettabile e molto pericoloso perché serve a sviare l’attenzione dai reali problemi, come la cementificazione del territorio, l’impermeabilizzazione del suolo, l’agricoltura intensiva, come evidenziato da dati scientifici”. Anche perchè, aggiunge l’Enpa, che dichiara vicinanza alle popolazioni colpite dal maltempo, “la scienza e il buonsenso ci dicono che non sono certo le nutrie né gli altri animali a cementificare; a sradicare colline e montagne; a trascurare gli argini di fiumi e torrenti, talvolta ridotti a discariche; a disboscare indiscriminatamente il territorio o a distruggere la biodiversità del nostro Paese un tempo noto come ‘giardino d’Europa’. A farlo sono invece sono gli interessi privati di quanti, invece di proteggere il territorio patrimonio comune di tutti noi, lucrano su di esso senza preoccuparsi delle ferite ad esso inferte”. In difesa degli animali si schiera anche la Lav di Modena. “La nutria, animale da sempre oggetto di una autentica ‘caccia alle streghe’ – spiega in una nota – è nuovamente balzata agli onori delle cronache grazie all’operato di sedicenti esperti, sempre pronti ad enfatizzare i presunti danni provocati dalla bestiola, mentre le cause effettive vengono lasciate volutamente nell’ombra. Temiamo che anche in questo caso questo clima esacerbato si tradurrà in vere e proprie battute di caccia”. A giudizio dell’associazione “è evidente che il cedimento degli argini è frutto del dissesto idrogeologico dovuto ad una dissennata antropizzazione del territorio e ad un’attività edilizia scarsamente compatibile con l’equilibrio dell’ecosistema (il cemento come è noto non assorbe l’acqua piovana): additare le nutrie come responsabili appare quantomeno ridicolo. La questione è sempre quella: chi aveva responsabilità della manutenzione degli argini cerca di attribuire la colpa degli eventi a chi non ha la possibilità di difendersi”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.