Martina, in 15 giorni piano contrasto per caporalato. A breve norme per confisca beni.

agricoltura generica2Il governo si mobilita nella lotta al caporalato, dopo i quattro braccianti morti nelle ultime settimane nelle campagne pugliesi mentre lavoravano in nero. Di buon mattina si sono radunati oggi al ministero delle politiche agricole tutti i principali protagonisti della filiera agroalimentare per partecipare al vertice indetto dal ministro Maurizio Martina, alla presenza del ministro del Lavoro Giuliano Poletti, nell’ottica dell’impegno preso dal ministero, per la prima volta a guidare un tavolo istituzionale di contrasto.
La riunione è terminata con l’annuncio da parte del ministro Martina che “sul caporalato c’è un impegno molto forte del governo per un piano d’azione organico e stabile che sarà messo a punto entro quindici giorni dalla cabina di regia della Rete del lavoro agricolo di qualità costituita presso l’Inps con il decreto ‘Campolibero’ nel 2014′. Inoltre, lo stesso ministro Martina, assieme al ministro della Giustizia Andrea Orlando, è impegnato a predisporre “un atto legislativo importante” rivolto alla confisca dei beni per le imprese che si macchiano del reato di caporalato. Si sta anche pensando a una forma di assistenza legale per i braccianti che denunciano lo sfruttamento.
Tra le proposte emerse al vertice sul caporalato, secondo quanto si apprende dai partecipanti, la possibilità di introdurre la responsabilità in solido per chi sfrutta il lavoro nero. Inoltre si pensa all’obbligo di comunicazione preventiva degli operai agricoli a tempo determinato, ai modi per evitare un uso distorto dei voucher e ad un’ipotesi di lavoro sul trasporto pubblico dei braccianti, coinvolgendo anche le Regioni.
Il piano che definirà la cabina di regia intende dare “una risposta strutturale al fenomeno – osserva il ministro del Lavoro Giuliano Poletti – tenendo conto non solo del danno alle persone ma anche del danno al sistema imprenditoriale”. “Bisogna produrre un’azione larga – aggiunge Poletti -, vogliamo costruire una strumentazione di rendicontazione di tutto quello che facciamo, per evitare che quando ci si allontana dalla cronaca l’attenzione tenda a scemare”.
“Benvenute tutte le norme per sconfiggere il caporalato ma il ragionamento dei prezzi, costi di produzione e ciò che si deve riconoscere ai produttori, è parallelo per sconfiggere il caporalato” – afferma il presidente di Coldiretti, Roberto Moncalvo, nel sottolineare come “La vicenda dei pomodori sottopagati a 8 centesimi al chilo faccia il pari con quella delle arance a Rosarno”.
Il presidente di Confagricoltura, Mario Guidi, in materia di vigilanza auspica soprattutto “una migliore attività di intelligence da parte degli Organi di vigilanza nella selezione delle aziende da ispezionare e una maggiore attenzione alle violazioni più gravi, rispetto alle irregolarità formali”.
E il numero uno della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Dino Scanavino, osserva che “la Rete non può, da sola, arginare l’odioso fenomeno del caporalato che va combattuto, in ogni caso, attraverso l’applicazione effettiva delle leggi già esistenti in termini di sanzioni, nonché attraverso la realizzazione di un sistema ispettivo efficace, razionale e di qualità”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.