Massimiliano Pederzoli confermato alla guida di Coldiretti Ravenna


Ritrovare il giusto valore del cibo per costruire l’agroalimentare che vogliamo. Volge lo sguardo al futuro Coldiretti Ravenna e lo fa non solo rinnovando i vertici per il quadriennio 2013-2016, bensì stilando una fitta agenda di lavoro che, tra le sue priorità, pone al primo posto la necessità di ridare centralità all’impresa agricola lungo le filiere che portano il cibo dal contadino al consumatore.
“Con l’assemblea odierna – ha affermato il presidente Massimiliano Pederzoli in apertura – termina il mandato conferitoci il 15 dicembre 2008. Non sono stati quattro anni normali, ma la bellezza di 1.400 giorni vissuti intensamente, tenendo in conto il bisogno di “tenuta” del nostro Paese, della nostra società, della nostra agricoltura”.
Nella sua relazione Pederzoli dopo aver passato in rassegna le preoccupazioni e le criticità che affliggono l’economia e il comparto agricolo in particolare – in primis la perdita di valore reddituale garantito al produttore – e passato ad affrontare le opportunità strategiche che possono e devono essere colte per rafforzare il sistema delle imprese agricole.
Richiamando il progetto in 10 punti “L’Italia che vogliamo” presentato dal presidente nazionale Coldiretti Sergio Marini al presidente del Consiglio Mario Monti nell’ambito del XII Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio, Pederzoli ha posto l’accento sull’urgenza di un governo globale dei beni comuni come il cibo, degli effetti devastanti della globalizzazione senza regole, di una nuova etica che deve riguardare insieme alla politica anche le forze sociali e tutti i cittadini.
Il presidente ha poi tracciato il quadro dell’agricoltura locale alla luce della profondità dei cambiamenti verificatisi negli ultimi dieci anni in provincia. Un’analisi precisa su quanto avvenuto ma soprattutto una lettura che ci consegna elementi preziosi per avanzare una “proiezione” attendibile a medio termine.
Nonostante negli ultimi dieci anni in provincia si siano perse 3.736 imprese (quasi una al giorno) per 1.000 ettari di terreni e si siano verificate ben cinque crisi di mercato che hanno interessato l’ortofrutta (pesche e nettarine), la produzione non è arretrata in proporzione alla gravità degli eventi a dimostrazione che il tessuto imprenditoriale è solido.
La superficie media aziendale, dal ’70 ad oggi, è passata da 6.80 Ha a 14.25 Ha in Emilia-Romagna (­più 95%) e da 6.73 a 12.93 Ha (più 92%)
Gli agricoltori sono passati da 11.616 a 8.828 unità (-25%), con un 8% di under 40, dato in linea con quello regionale
Alla luce di questi dati, ha affermato Pederzoli, “è chiaro che occorre un cambio di rotta importante”.
Dopo i saluti del Presidente della Provincia Claudio Casadio e dell’Arcivescovo di Ravenna Giuseppe Verucchi  ha preso la parola il Direttore Coldiretti Emilia-Romagna Gianluca Lelli che ha ribadito come l’Organizzazione non lascerà alcunché di intentato per aiutare gli agricoltori a trovare nuovi spazi e opportunità per il loro lavoro. “La priorità – ha affermato il direttore regionale – è ristabilire la giustizia lungo la filiera, ristabilire il giusto reddito ai produttori. Ne va della sopravvivenza del settore ed è ora che le politiche agricole si facciano carico di questa missione”.
A chiarire cosa vuole fare Coldiretti per mettere in campo “il nuovo in agricoltura” ci ha pensato ancora il presidente Pederzoli: “In cima alla nostra agenda di lavoro mettiamo un impegno straordinario a supporto della difficile trattativa per la riforma Pac; una battaglia ad oltranza per avere una corretta applicazione delle norme sull’etichettatura; una grande attenzione alla prima applicazione dell’art. 62 relativo alla contrattazione delle produzioni agricole e, ancora, una attenta vigilanza sull’uso corretto dei suoli agricoli, una costante mobilitazione finalizzata a favorire il ricambio generazione in agricoltura e la tutela delle nostre imprese nell’accesso al credito. Senza dimenticare – ha aggiunto Pederzoli – le emergenze fitosanitarie (batteriosi del kiwi e cinipide del castagno) da affrontare con determinazione e, ancora, tra le cose concrete che servono ai nostri agricoltori per restare in partita la promozione sia delle forme di vendita diretta che del progetto Fai (Firmato dagli Agricoltori Italiani) nato per aggregare l’offerta delle grandi produzioni”.
Nella seconda parte dell’Assemblea si è dibattuto a fondo su tutti i temi di principale attualità e provveduto all’elezione del nuovo Presidente Provinciale e del nuovo Consiglio Direttivo.
Pederzoli Massimiliano è stato confermato presidente di Coldiretti Ravenna per il prossimo quadriennio.
Mentre a fare parte del Consiglio Direttivo Provinciale sono stati eletti: Dalmonte Francesco di Riolo Terme, Piancastelli Raffaele di Casola Valsenio, Banzola Damiano, Dalmonte Nicola, Servadei Davide, Merendi Loris, Zauli Dante di Faenza, Bertoni Gian Paolo di Castel Bolognese, Pini Davide di Solarolo, Anconelli Gianluca di Cotignola, Calderoni Domenico di Bagnacavallo, Donati Daniele di Alfonsine, Folli Franco di Massa Lombarda, Giovannini Francesco di Bagnara, Petitoni Alessandro di Conselice, Valmori Vittorio di Lugo, Bianchi Roberta di S. Pietro in Vincoli, Francesconi Gabriele di Russi, Lualdi Alessandro di Cervia, Merendi Giancarlo di Ravenna e Ravagli Alessandra di Russi.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.