Maxitruffa granaglie: chiusa inchiesta,33 richieste giudizio

mais 5Con la richiesta di rinvio a giudizio di 33 persone si è conclusa l’inchiesta della procura di Pesaro ‘Vertical Bio’, che ha portato alla luce un vasto traffico di granaglie spacciate per biologiche e destinate all’alimentazione animale ma anche umana.
Le indagini sono state condotte dalla Guardia di finanza di Pesaro e dall’Ispettorato Repressione Frodi del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali.
Stando agli accertamenti, dal 2007 al 2013 i promotori della truffa hanno immesso sul mercato Ue 350 mila tonnellate di granaglie, provenienti da Moldavia, Ucraina e India e destinate al comparto zootecnico ma anche all’alimentazione umana, spacciate per bio e fornite di tutta la certificazione necessaria.
In realtà soia, mais, grano tenero e lino, del valore complessivo di circa 120 milioni di euro, non solo non avevano i requisiti per essere classificati come biologici (compresa la coltivazione interamente senza sostanze chimiche o ogm), ma in qualche caso neppure quelli per essere consumati: c’erano tracce di organismi geneticamente modificati ma anche di diserbanti, come il glyphosate e brachizzanti (regolatori della crescita) o il clormequat. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.