Meccanizzazione: in chiusura bando Enama per macchine agricole innovative

Trattore New Holland Blue Power
Le imprese dell’agro-meccanica italiana hanno tempo fino al 16 settembre per inviare, via raccomandata A/R all’Enama (fa fede la data riportata sul timbro postale), i progetti a valere sul bando per lo sviluppo di mezzi meccanici innovativi promosso dall’Ente in sinergia con il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali. Possono accedere alle agevolazioni i costruttori che mettono a punto soluzioni tecniche nelle aree relative alla gestione delle risorse idriche, alla meccanizzazione delle aree disagiate, alla sicurezza sul lavoro, al benessere animale, all’elettronica di bordo, o che progettano macchine e impianti per la produzione di energie alternative. Il bando è disponibile sul sito internet di Enama (www.enama.it) a questo indirizzo: http://urlin.it/41dd1.

Il programma è finalizzato sia a fornire supporto economico – un sostegno oggi tanto più tanto più necessario viste le criticità congiunturali del comparto – ai produttori italiani che progettano soluzioni costruttive mai immesse sul mercato, pensate per dare una risposta concreta ai bisogni incontrati dagli operatori della filiera agricola nella loro attività quotidiana, sia a valorizzare le sinergie tra industria e ricerca. Proprio per questo, alle imprese agro-meccaniche che partecipano al bando si richiede di collaborare con almeno una istituzione pubblica della ricerca.

Giunte alla diciassettesima edizione (la prima risale al 1991), le agevolazioni Enama possono vantare un “curriculum” di alto profilo. «In ventidue anni, grazie ai nostri programmi per l’innovazione tecnologica, sono stati messi a punto ben 141 prototipi – spiega il direttore dell’Enama, Sandro Liberatori -. Altrettanto significativo è stato il ritorno su questi “investimenti”: in più del 90% dei casi le soluzioni proposte sono state adottate dal mercato, fissando così nuovi standard di riferimento per il settore.» Dal punto di vista geografico, il primato delle adesioni spetta alle aziende dell’Emilia-Romagna che si sono aggiudicate il 29,7% delle totale delle agevolazioni erogate, seguite da quelle della Lombardia (18,6%), del Veneto (11,9%), del Piemonte (11%), dell’Umbria (9,3%) e dalla Sicilia (6,8%), prima tra le regioni del Sud Italia.

Secondo Liberatori, la grande partecipazione che ha sempre caratterizzato i bandi Enama conferma l’elevata propensione delle nostre aziende ad investire in R&S per guadagnare competitività sui mercati globali. «E’ proprio attraverso questi meccanismi – prosegue il direttore dell’Ente – che si può e si deve rafforzare il “made in Italy”, anche nel settore agromeccanico -, un comparto fondamentale per il “sistema-Paese”.»

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.