Meno superfici piu’ qualita’: la campagna cereali del consorzio agrario di Bologna e Modena

Leggero calo delle superfici investite ma produzioni buone sia come quantità che qualità. Chiuse le operazioni di trebbiatura dei frumenti, il Consorzio agrario di Bologna e Modena fa un primo bilancio della campagna cereali. C’è soddisfazione perché, nonostante il calo delle semine autunnali, le quantità ritirate sono state pressoché le stesse del 2010 (112.000 ton).
L’andamento meteorologico ha pesantemente condizionato la campagna cerealicola 2010-2011, influenzando fin dall’inizio i risultati produttivi. Sul nostro territorio, a fronte di una campagna di semina che ha visto una leggera contrazione delle semine a causa di difficoltà di accesso ai campi durante i mesi autunnali, le coltivazioni seminate con la giusta tempistica sono uscite dall’inverno con un’ottima condizione vegetativa.
Tale situazione si è mantenuta durante i successivi mesi primaverili, poiché l’andamento climatico è stato favorevole, con diverse, ma moderate piogge cadute tra febbraio e marzo, che hanno mantenuto il frumento in una condizione di crescita ottimale.
Il periodo d’inizio giugno è stato invece caratterizzato da numerosi temporali che avevano fatto temere un possibile decadimento dei valori merceologici del frumento, ma il ripristinarsi del bel tempo dalla metà di giugno, ha poi invece permesso d’effettuare la trebbiatura in condizioni ottimali.
“Tali condizioni di campo – dice il direttore generale Angelo Barbieri – hanno permesso di ottenere produzioni veramente buone, che in molti casi, hanno superato le medie degli ultimi anni. Basti citare che i frumenti teneri hanno toccato punte di 90 quintali/ettaro, mentre con il frumento duro in molti casi si sono superati gli 80 quintali. Le medie si possono attestare sui 75 quintali per il frumento tenero e sui 70 per il duro”.
Tra i teneri occorre ancora citare l’exploit delle varietà Bologna e Palesio, le cui produzioni spesso sono state superiori agli 85 quintali /ettaro. Tra i duri, confermano un’ottima produzione Claudio e Normanno, mentre tra le nuove varietà proposte dal CAP, Miradoux ha ottenuto un’ ottima performance. Tutti i frumenti duri hanno avuto ottime caratteristiche igenico-sanitario, con proteine che, nella media, si sono attestate attorno al 13%.Nel resto del paese la campagna cereali ha registrato buone rese, buona qualità anche se in un contesto di calo generalizzato delle superfici. Veneto e Lombardia ad esempio hanno seminato fino al 20% in meno.
CAMPAGNA DI COMMERCIALIZZAZIONE – Le prime battute della nuova campagna di commercializzazione del grano sono inserite in un contesto internazionale del tutto diverso dallo scorso anno , visto che un ruolo importante e decisivo sarà svolto dal prodotto russo che rappresenta circa il 15% del commercio mondiale e che nella scorsa campagna non era disponibile ( causa siccità ). L’aumento delle produzioni in Cina – Paesi dell’Est e nell’ Ue ( ad eccezione della Francia che produrrà circa un 5-10 % in meno ) ed il ritorno dell’ India sul mercato dell’export confermano ad oggi i fondamentali come deboli – ribassisti . “Tutto ciò inserito in un contesto economico molto incerto – spiega Angelo Barbieri, anche nella sua veste di presidente di Fits (Federazione italiana trading seminativi) – che lascia prevedere un’alta volatilità dei mercati. Attualmente i prezzi tengono in particolare perché sostenuti dal prezzo record del mais a livello mondiale (in Italia siamo circa a 260-270 euro / ton con problemi di approvvigionamento per arrivare al nuovo raccolto ). I prezzi di apertura del grano tenero sono rispetto allo scorso anno più alti mediamente di un 50% (150-155 euro /ton nel 2010 , 225-235 oggi). Mentre per il duro siamo a circa un 70%in più (180 euro/ton nel 2010 e 300 oggi). Lo scenario è più ottimistico per il duro rispetto al tenero per le minori semine e raccolti in Canada e Usa”. Gli scambi restano comunque deboli, conclude Barbieri, “il consumo acquista solo quando serve , giorno per giorno, nella speranza di cali di prezzo derivanti da pressioni di vendite da parte degli agricoltori”.
Web: www.caip.it

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.