Milleproroghe: Cia, ennesimo regalo ai furbi delle quote latte


”Un vero pasticcio, un ennesimo regalo per i furbetti delle quote latte, una nuova umiliazione per la nostra agricoltura che vive una drammatica crisi”. Cosi’ il presidente della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Giuseppe Politi, commenta il maxiemendamento su cui oggi la Camera ha votato la fiducia. ”Come e’ stato per il vecchio testo del decreto, anche sul nuovo – aggiunge Politi – ribadiamo tutto il nostro forte dissenso. Governo e maggioranza ancora una volta hanno ignorato la pesante situazione delle imprese agricole italiane”. ”Alla fine – prosegue Politi – ci troviamo di fronte alla vergogna del nuovo slittamento del pagamento delle multe per le quote latte, che ormai prelude ad un condono tombale. Per questi furbetti si sono recuperate le risorse finanziarie, mentre per migliaia di imprenditori agricoli onesti che non riescono ad andare avanti, perche’ oberati da costi insostenibili, silenzio totale. Ignorata ogni legalita’ che proprio nella vicenda delle quote latte troppe volte e’ stata calpestata. Una questione che dal 1984 ha accumulato un debito nei confronti dell’Ue di oltre 4 miliardi di euro. Cosi’ ogni contribuente italiano si e’ trovato pagare un conto da oltre 170 euro a testa per via della cattiva applicazione del regime delle quote latte nel nostro Paese”. ”L’inerzia del governo nei confronti del settore primario – conclude Politi – e’ sconcertante e avvilente per gli imprenditori agricoli e per le loro famiglie. Non ci faremo certo schiacciare dal disinteresse. Fin dalle prossime settimane daremo forza e determinazione alla mobilitazione, con manifestazioni, che auspichiamo anche unitarie, per salvare il futuro di migliaia di agricoltori”. (ANSA).

19 Commenti in “Milleproroghe: Cia, ennesimo regalo ai furbi delle quote latte”

  • davide scritto il 25 febbraio 2011 pmvenerdìFridayEurope/Rome 20:18

    ma che panzate sta dicendo questo qui?ma forse non ha ancora capito che l emendamento serve per prorogare le rate di chi ha aderito alle 2 rateizzazioni!quindi anche a quelli che loro(sindacati)chiamano onesti e in regola!o mi sbaglio?a me,dato che non ho mai aderito ad alcun tipo di rateizzazione,quell emendamento non serve a una mazza!

  • miro scritto il 26 febbraio 2011 amsabatoSaturdayEurope/Rome 11:26

    bravo davide;panzanate,solo castronaggini sanno dire questi signori; se si pensa che la famosa
    proroga è veramente indirizzata a coloro che hanno aderito pienamente alla rateizzazione legge 33 e a coloro che dovevano pagare la settima rata della legge 119 e che quindi, il reale ed eventuale onere finanziario non supera i 200.000 euro ,è tutto dire. Altro che 30milioni di euro di costo da togliere al sociale, altro che i poi divenuti 5 milioni di euro da toglire ai malati di tumore!!
    Ha dell’incredibile quello che questi signori vanno a dire sui midia,pazzesco!!
    Ma forse una ragione c’è a questo comportamento, il motivo è che i veri fuorilegge i veri delinquenti sono proprio loro; spero ardentemente che presto venga tolto il segreto di stato sulla documentazione delle procure che stanno indagando e sul relativo documento governativo di sunto prodotto, che venga resa pubblica la verità sull’incredibile vicenda quote latte , ormai, il “segreto” è il classico segreto di pulcinella visto che praticamente tutti sono al corrente della documentazione. A questo punto però è anche tanta la curiosità di conoscere cosa vi è di così importante,inenarrabile,misterioso e segretissimo in questa documentazione!

  • miro scritto il 26 febbraio 2011 amsabatoSaturdayEurope/Rome 11:30

    Ha dimenticavo, propio la CIA viene a parlare di “interesse degli allevatori che và tutelato”,proprio loro,che assieme a Coldiretti mi vanno a firmare un contratto sul prezzo del latte aldisotto di 10cent.litro rispetto al costo di produzione ! sono solo dei Venduti!!!

  • davide scritto il 26 febbraio 2011 pmsabatoSaturdayEurope/Rome 12:15

    miro,sei certo che quella documentazione ci sia?sei sicuro al 100%?solo perche qui nessuno sa niente……attendo una tua risposta.grazie.ciao

  • miro scritto il 26 febbraio 2011 pmsabatoSaturdayEurope/Rome 16:10

    più che certo! se ne è parlato pure ad una riunione svoltasi ieri sera in quel di Montichiari, presenti circa 500 allevatori, relatori Francesco Carrù per il Piemonte e Roberto Cavaliere.
    La cosa è pure stata divulgata in sede di conferenza stampa Martedì scorso a Dublino
    Irlanda durante un convegno EMB l’ass.Europea allevatori prod.latte.
    Più che sicuro!! Gli amici onorevoli della lega ne sono perfettamente a conoscenza,
    potrebbero intervenire! Ciao a tutti.

  • davide scritto il 26 febbraio 2011 pmsabatoSaturdayEurope/Rome 16:38

    ok ti ringrazio…molto gentile come sempre….mi informero dal mio presidente cosplat piemonte.e se hai novita scrivi perfavore!buona domenica!!!ciao

  • Giovanni scritto il 27 febbraio 2011 pmdomenicaSundayEurope/Rome 14:44

    La Lega copre i ladri e fa pagare con soldi pubblici (quindi anche miei) le multe, consentendo di pagare a rate sempre più ritardate le multe a chi ha splafonato.

    Se io prendo una multa (diciamo per eccesso di velocità) posso chiedere di rateizzare l’importo se mi va, ma poi quando mi viene concessa la rateizzazione pago di tasca mia, non chiedo allo stato di pagare. 

    La Lega ha già buttato via soldi dei suoi cari padani con al credieuronord, adesso butta via i soldi di tutti regalando a chi è in multa con il latte soldi per non pagare.

  • davide scritto il 28 febbraio 2011 amlunedìMondayEurope/Rome 11:04

    ma piantala di dire cretinate e vai a informarti perfavore.non hai capito niente ne di multe e tantomeno di quote.e a te nessuno a chiesto soldi va tranquillo

  • Fabio G scritto il 28 febbraio 2011 amlunedìMondayEurope/Rome 11:30

    signor Giovanni, se lei viaggiasse regolarmente su una strada in cui il limite fosse di 90km/h e successivamente le viene data una multa perchè il limite di velocità è stato abbassato, pagherebbe tacitamente la multa? le sembrerà strano ma a tutti noi non è successa una cosa molto diversa…

  • Giovanni scritto il 28 febbraio 2011 pmlunedìMondayEurope/Rome 20:25

    Per davide: se lo stato da soldi a qualcuno, lo fa perchè redistribuisce il reddito raccolto attraverso i tributi, quindi anche quelli che pago io.
    ora, perchè lo stato da soldi per dilazionare la multa che un privato ha preso perchè non ha rispettato la legge?
    se un privato non rispetta la legge, il privato paga la multa, o no?
    Che poi qualcuno non voglia sentirselo dire è un altro problema.
    Per fabio: la Legge italiana non può essere retroattiva in peggio, quindi l’eventualità che prospetti non si può verificare.
    Infine, consiglio di dare un’occhiata all’affare credieuronord, un crac tutto leghista legato proprio alle quote latte.

  • davide scritto il 28 febbraio 2011 pmlunedìMondayEurope/Rome 20:42

    perche se la legge CHE HA FATTO LO STATO e sbagliata non e giusto che paga il singolo!e lo stato che deve rimediare senza far pesare un suo errore su delle aziende che pagano regolarmente le tasse e danno migliaia di posti di lavoro!non trovi?

  • Fabio G scritto il 1 marzo 2011 ammartedìTuesdayEurope/Rome 8:29

    riguardo alla questione credieuronord, dico semplicemente che chi ha sbagliato deve pagare ma solo chi ha sbagliato però; personalemente sono completamente estraneo alla questione.
    la legge italiana non può essere retroattiva in peggio? molto bene, un punto a nostro favore…
    Il problema è un altro, la lega non c’entra minimamente e non capico perchè ogni volta viene tirata in ballo, è solo un partito politico alla ricerca di consensi come tutti gli altri. è vero, alcuni uomini della lega forse hanno visto che qualcosa non ha funzionato nella gestione italiana delle quote latte e forse vogliono capire come sono andate le cose, ma per quanto mi rigurda potrebbero anche essere di rifondazione comunista, se il problema vuole essere visto, può essere visto da qualunque persona imparziale.
    a breve verranno resi noti documenti ufficiali che faranno grattare il capo a qualcuno, ci siamo rotti le scatole di essere considerati disonesti quando i responsabili governativi del ministero dell’agricoltura (i controllori) sono stati processati e condannati per truffa di contributi comunitari e nonostante tutto sono è vent’anni che se ne stanno al loro posto (e questo anche con un ministro leghista).

  • gm farm scritto il 30 marzo 2011 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 22:57

    signor Giovanni lo stato ha pagato soldi alla UE che non erano dovuti. I produttori di latte italiani non hanno mai superato la produzione nazionale consentita. l’apparato politico/sindacale mafioso ogni anno x ventanni ha sistematicamente falsificato i dati produttivi degli allevatori. Nel momento in cui i dati venivano recepiti dalle strutture di controllo regionali, subivano una “lievitazione” creando su carta e solo su carta una sovrapproduzione di latte con una conseguente multa ogni anno. Questa non e’ solo la mia opinione che non vale nulla ma e’ scritto sin dal1998 e 1999 nelle due relazione delle commissioni d’indagine presiedute da un generale della Guardia di Finanzia. Oggi i Carabinieri del MIPAAF lo hanno riconfermato anche con il lavoro delle 65 Procure chiamate ad indagare per i reati commessi dagli organi di controllo dello stato. Lei sig.Giovanni come moltissimi italiani siete vittime involontarie di una disinformazione mirata a nascondere le frodi comunitarie le quali garantisco hanno dimensioni monumentali. Sia obiettivo, si costruisca la Sua opinione previa conoscenza dei fatti sostenuti da dati reali e certi e non solo da articoli di giornale. con un po’ di pazienza su internet trovera tutto. grazie a presto.

  • Giovanni scritto il 31 marzo 2011 amgiovedìThursdayEurope/Rome 9:24

    Questa cosa che lei scrive è illogica e non ha senso. perchè si dovrebbe scrivere una produzione superiore sulla carta, per poi dovere pagare delle multe?

  • fabio G scritto il 31 marzo 2011 amgiovedìThursdayEurope/Rome 10:38

    un’idea io ce l’avrei sig giovanni, va vedo se prima “gm farm” esprime una sua opinione….

  • Giovanni scritto il 31 marzo 2011 amgiovedìThursdayEurope/Rome 11:00

    Dica la Sua, sig. Fabio, non aspetti i commenti di altri…

  • davide scritto il 31 marzo 2011 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 12:08

    vada a vedere cos ha scritto l anpa veneto dpo l indagine dei carabinieri.basta scrivere su google ANPA VENETO QUOTE LATTE.ce un articolo del 26 marzo su julienews che aiuterà a capire.e dare torto a 70 procure e ai carabinieri antifrode mi sembra un idiozzia

  • davide scritto il 31 marzo 2011 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 12:11

    il titolo dell articolo è:ministro Romano aiuti a fare chiarezza.dopo la lettura vediamo se riscrive quel che ha dichiarato in precedenza

  • Giuseppe scritto il 31 marzo 2011 pmgiovedìThursdayEurope/Rome 14:30

    Suggerisco di leggere l’ articolo di oggi sul Fatto Quotidiano dal titolo MUCCA CONTINUA reperibile nella rassegna stampa del ministero dell’ agricoltura. Speriamo di trovarci in tantissimi questa sera a MONTICHIARI . Saluti

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.