Miur-Federalimentare: intesa per educazione alimentare nelle scuole


“Formeremo i formatori sui temi dell’educazione alimentare per poi coinvolgere tutta la comunità della scuola e i genitori degli alunni, rendendo i ragazzi pienamente consapevoli dell’importanza di seguire corretti stili di vita”. Così il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Francesco Profumo, e il presidente di Federalimentare – la Federazione che rappresenta le associazioni dell’industria alimentare aderenti a Confindustria – Filippo Ferrua Magliani hanno presentato il protocollo d’intesa, sottoscritto oggi nella sede del Miur. “L’educazione alimentare – ha detto il ministro Profumo – è centrale per la qualità della vita delle famiglie. Partendo dalla scuola siamo convinti che costruiremo un Paese migliore e con una minore spesa sanitaria”. L’iniziativa ‘Il Gusto fa Scuola’, già sperimentata e inserita in questo protocollo d’intesa, impatterà sul prossimo anno scolastico sulle oltre 77.000 classi delle scuole medie italiane, coinvolgendo circa 1 milione e 600 mila alunni e le rispettive famiglie. Il tutto coadiuvato dal lancio del sito www.ilgustofascuola.it, portale dedicato a insegnanti, famiglie e ragazzi che promuove l’interazione tra il mondo scolastico e il mondo della produzione. Offre consigli ai ragazzi relativi all’attività fisica da svolgere a casa e su come realizzare ricette facili e veloci, nonché il focus sulle Linee Guida Inran per una sana alimentazione. Miur e Federalimentare sono fermamente convinti che “l’unica via per combattere il sovrappeso e l’obesità risieda nell’educazione alimentare, abbinata ad un’adeguata attività fisica”. “Credo molto – ha detto Ferrua – in questa iniziativa, sulla quale il ministro Profumo ha messo molto di suo perché l’insegnamento interdisciplinare di uno stile di vita dettato da nutrizione equilibrata e attività fisica è l’unica vera risposta all’obesità”. ” Lo spirito dell’intesa é guardare avanti – ha sottolineato il ministro Profumo – per avviare un processo formativo tra gli studenti che viene poi trasferito alle famiglie in un’ottica anche di ridefinizione della spesa sanitaria, aumentata in Italia sia per l’età crescente della popolazione ma anche per la mancata attenzione all’attività fisica. L’idea è quella di creare una catena virtuosa educazione-ricerca-innovazione che troverà una prima applicazione nei ‘cluster’ che, su nove priorità tra cui l’agroalimentare, muove bandi per 1 miliardo e 100 milioni di euro, per poi portare in primo piano questi temi all’Expo 2015″.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.