Modena: argini a rischio per colpa di nutrie e volpi. Intensificati i piani di controllo

«Il problema delle tane delle volpi lungo gli argini dei fiumi è simile a quello causato dalle nutrie. Li stiamo affrontando entrambi da tempo, attraverso i piani di controllo mirati nelle zone più a rischio, in particolare in pianura». Lo afferma Giandomenico Tomei, assessore con delega alle Politiche faunistiche della Provincia di Modena, a proposito delle affermazioni del sindaco di Cavezzo Stefano Draghetti sui rischi per la stabilità degli argini in caso di piena dovuti alle tane scavate dalle volpi.
Tomei ricorda che nel 2010 la Provincia ha disposto una serie di piani di controllo che hanno portato all’abbattimento di oltre ottomila nutrie ma anche circa 300 volpi lungo gli argini nel solo territorio di pianura, piani che vengono riproposti ogni anno.
Come precisano i tecnici del servizio Faunistico, le volpi scavano le loro tane nella parte più alta degli argini, a differenza delle nutrie che preferiscono la parte più vicina all’acqua. Il risultato negativo per gli argini, però, in caso di piena è molto simile.
Il contrasto della volpe richiede l’impiego di cani specializzati guidati da cacciatori esperti, i “coadiutori”, nel modenese oltre 2000, selezionati tramite appositi corsi di formazione sulle modalità d’intervento a seconda delle aree e autorizzati dalla Provincia a svolgere questo tipo di piano di controllo nelle zone più a rischio.
Per quanto riguarda la nutria, invece, per contrastare il fenomeno la Provincia dal 2008 ha intensificato i piani di cattura coinvolgendo agricoltori e cacciatori coordinati dalla Polizia provinciale con l’obiettivo, stabilito anche dalla legge regionale, di una totale eradicazione di questa specie, peraltro non autoctona.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.