Molluschi: buoni da mangiare e salvano l’ambiente

cozze
Se mangi molluschi salvi il pianeta. Lo afferma l’Ufficio studi di Lega Pesca segnalando che ”accanto al prezzo conveniente di cozze, vongole e altri mitili, arriva anche la scienza a confermare un inedito valore aggiunto: quello di contribuire sensibilmente alla riduzione delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera”. Questo, grazie alla capacità delle conchiglie di assorbire Co2 mediante il processo chimico del biosequestro, che consente di fissare il carbonato di calcio di cui sono composti i gusci. Uno studio condotto sulle cozze ha accertato che ammonta a circa una tonnellata la Co2 fissata nei gusci di 3 tonnellate di mitili freschi. Su questa base Lega Pesca, in collaborazione con l’Associazione Mediterranea Acquacoltori (Ama) ha avviato un progetto che consentirà alle imprese di acquacoltura di entrare nel mercato dei carbon credit. Specie estiva per eccellenza, i molluschi nelle loro prelibate varianti, la fanno da padroni negli acquisti domestici nella stagione più calda dell’anno. Tra cozze, vongole e ostriche se ne allevano circa 113 tonnellate per un valore della produzione di 264 milioni di euro, sottolinea Lega Pesca: ”oggi c’è un motivo in più per apprezzare i molluschi e promuoverne il consumo anche come alleati dell’ambiente”. Dopo quello del vino rosso, si infrange, secondo l’analisi del Centro Studi dell’associazione, anche il tabù sull’abbinamento pesce-birra. Accanto alla scoperta del ruolo ecofriendly dei molluschi contro le emissioni di CO2, l’altra novità che si registra per la stagione estiva 2013 quanto a consumi di prodotti ittici, è l’accostamento con la birra. Un abbinamento tutto nordeuropeo, che, in particolare, la tradizione belga codifica con grande dovizia per le cozze e la tradizione anglosassone per i crostacei. Tutti da sperimentare, secondo i suggerimenti degli appassionati, i connubi tra lager e i sapori delicati di spigole e orate, tra Pils e fritture, fino a quello tra le bok, di maltatura e alcolicità più spiccata, ed i sapori più decisi delle grigliate miste. La cultura enogastronomica mediterranea sarà pronta a mettere in discussione il primato del vino negli abbinamenti con il pesce? Per ora siamo di fronte ad un fenomeno nuovo, dettato forse dalla moda, di cui occorre seguire l’evoluzione per capire se si tratterà di una stabile conquista nell’evoluzione del gusto, o piuttosto di una scorribanda cui seguirà una pronta ritirata sulle più stabili certezze offerte dal vino, istituzione della nostra millenaria cultura alimentare.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.