Mucca pazza in Italia, eliminati i rischi di contagio

La Bse, meglio nota come ”mucca pazza”, in Italia e’ quasi scomparsa anche se l’ultimo caso e’ stato diagnosticato la scorsa settimana in una bovina di Bergamo di 14 anni, portando a 145 i casi confermati nella popolazione bovina, dal 2001 ad oggi. E’ quanto emerso dalle due giornate del 14/o congresso che, ieri e oggi, ha riunito a Torino gli Istituti Zooprofilattici. Esperti di fama nazionale ed internazionale nel campo delle malattie da prioni, sia animali sia umane. E’ stato fatto il punto sul lavoro svolto dal 2001 ad oggi per combattere la Bse in Italia, grazie all’imponente attivita’ di controllo della malattia attuata e coordinata dal Centro di Referenza di Torino. La sorveglianza in atto ha permesso – dicono i ricercatori – l’eliminazione di ogni rischio di infezione dalla carne per il consumatore e ha consentito la quasi completa eradicazione della malattia, seppure non ancora la sua scomparsa assoluta. La lotta vincente contro la mucca pazza – cosi’ come sottolineato dagli esperti – ha inoltre aperto nuove frontiere negli studi che riguardano due malattie degenerative del sistema neurologico, gravi e diffuse quali l’Alzheimer e il Parkinson.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.