Musica tra le viti per salvarle dagli insetti

La musica come medicina naturale per le piante. Le vibrazioni sonore potrebbero rappresentare un sistema di difesa non invasiva contro gli insetti, tale da diminuire la necessita’ di ricorso ai pesticidi. Lo rivela il Giornale dell’Ateneo di Pisa che riferisce la ricerca condotta da Andrea Lucchi e Valerio Mazzoni, due ricercatori rispettivamente dell’universita’ di Pisa e della Fondazione Mach di San Michele all’Adige (Trento). ”Siamo i primi nel nostro settore – afferma Lucchi, intervistato dalla rivista universitaria – a tentare di applicare al pieno campo le conoscenze acquisite sulla comunicazione vibrazionale di alcuni insetti dannosi alle piante coltivate”. L’insetto killer maggiormente studiato e’ lo Scaphoideus titanus, che rappresenta un grosso problema per la coltivazione della vite in tutta Europa, perche’ e’ vettore di una malattia chiamata flavescenza dorata. Nelle fasi che precedono l’accoppiamento il maschio, vibrando l’addome, canta su una foglia di vite la sua canzone d’amore per la femmina, producendo vibrazioni a bassa frequenza. Quando la femmina, vibrando anch’essa l’addome, risponde con il suo caratteristico canto, avviene l’incontro e l’accoppiamento. Lo studio dei due ricercatori ha individuato i segnali vibrazionali che, trasmessi alla pianta attraverso un computer sono in grado di interferire sulla comunicazione degli insetti ostacolandone l’accoppiamento e impedendo cosi’ la deposizione di uova fertili e la nascita di nuovi insetti dannosi. Sostanzialmente, si cerca di ‘creare’ una sorta di insetto virtuale: il verso di questo terzo incomodo, che ha il compito di disturbare l’accoppiamento, viene riprodotto digitalmente e diffuso nelle coltivazioni. ”I risultati degli esperimenti in campo aperto – dice Lucchi – sono stati molto interessanti”. Ma c’e’ anche un’altra ricerca in corso sul comportamento degli insetti relativo alla musica trasmessa attraverso casse acustiche: ”Ce l’ha proposta – conclude Lucchi – un’azienda vinicola di Montalcino (Siena), che da qualche anno fa risuonare Mozart tra le viti. La convinzione del proprietario e’ che la musica influenzi positivamente la qualita’ delle produzioni e a noi interessa sapere quanto invece influenza la vita degli insetti. L’ipotesi e’ che questi ultimi, disturbati dalle vibrazioni a bassa frequenza che le note di Mozart fanno risuonare sulla vegetazione, abbandonino il vigneto spostandosi altrove”.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.