Nasce a Roma l’associazione ‘Ristoranti km0’

Garantire, promuovere, facilitare e incentivare gli acquisti a Km0 per i ristoranti di Roma che, azzerando le distanze delle forniture, potranno contribuire a tagliare le emissioni di Co2 nell’ambiente e valorizzare le produzioni di territorio. Nasce con questo obiettivo l’associazione ‘ristoranti Km0′ a cui hanno già aderito cinque ristoranti romani, come annunciato dal presidente dell’associazione Km0 Roberto Cruciani. ”Siamo all’anno zero del sodalizio che punta a fare una ristorazione nuova ma che sappia tornare all’antico, quando l’esercente faceva acquisti diretti dei prodotti tipici locali”. ”Accogliendo la filosofia del Km0 – ha detto Cruciani – i ristoranti hanno deciso di fare squadra, con uno statuto, e un disciplinare, che sono di garanzia per i consumatori che cercano freschezza, qualità, e stagionalità a tavola. Uno statuto che inoltre impone un occhio di riguardo alle fattorie sociali e alle produzione biologiche certificate, con una percentuale degli acquisti riservata. Per una ristorazione di qualita’ occorre infatti abbandonare l’abitudine delle offerte o delle maxi forniture per rivolgersi a produttori di fiducia del territorio provinciale o regionale”. L’associazione Km0 ha presentato il progetto, nei giorni scorsi, all’assessore provinciale Aurelio Lo Fazio. Compito della Provincia di Roma, ha sottolineato il direttore del dipartimento ‘Politiche agricole e ambientali’ Mario Sette, ”e’ la valorizzazione a 360 gradi delle risorse di territorio e dimostrarsi nei fatti vicina ai cittadini. km0 e’ un modo per far sistema per offrire prodotti di qualita’ ai consumatori; una formula che si e’ rilevata vincente nella ristorazione perche’ la clientela richiede qualita’ e freschezza, e il sistema rappresenta un volano per l’economia locale dove ci sono produttori di olio, vino, formaggi, ortofrutta, di alta qualita’. Nei limiti della leale concorrenza, la Provincia – ha detto Sette – si impegna a sostenere questo progetto che si distingue per passione, voglia di fare, fantasia, e attenzione a categorie di lavoratori svantaggiati. Sara’ presentato sul sito della Provincia di Roma, e Roma e Piu’, e implementato nella promozione di menu e stili alimentari salutistici”. ”Oltre all’agricoltura anche il mondo della ristorazione della capitale dimostra con questa iniziativa impegno per l’integrazione e l’inclusione sociale di lavoratori con handicap o ex detenuti che nelle oltre 100 realta’ sociali della provincia di Roma stanno trovando un forte valore terapeutico” ha concluso la project manager del Forum Fattorie Sociali, Terramica 2011, Angela Versaci, che auspica sempre piu’ spazio nei menu dei pubblici esercizi dei prodotti ”Buoni due volte, sia per etica che per qualita”’.

(ANSA)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.