Natale, a fare festa è l’export. Numeri da record per il made in italy alimentare

tavola apparecchiata
Vino, spumante, panettone e pasta fresca spopolano sulle tavole di tutto il mondo e questo Natale l’export di prodotti alimentari trasformati tocchera’ i due miliardi di euro, per una crescita doppia rispetto ai valori di dieci anni fa. La stima giunge dal Centro studi di Federalimentare, nel sottolineare che le esportazioni totalizzate nel periodo natalizio dai prodotti alimentari italiani raggiunge il 10% dell’intero export annuale dell’industria alimentare nazionale (quest’anno previsto sui 19 miliardi). Il valore, inoltre, – precisa il Centro studi di Federalimentare – potrebbe addirittura triplicare raggiungendo i 6 miliardi di euro, se non esistesse la concorrenza sleale delle contraffazioni. Si tratta comunque di numeri decisamente apprezzabili, soprattutto se analizzati in rapporto all’attuale contesto di crisi. Il comparto enologico – sottolinea Federalimentare – e quindi vino, spumanti, grappa e liquori, fa la parte del leone all’interno del flusso esportativo natalizio, rappresentando circa il 40% del totale. L’export di vino legato alle festivita’ dovrebbe toccare i 400 milioni. Quello di spumanti i 240 milioni. Insegue il comparto degli alcolici (grappa e liquori) con 100 milioni, mentre l’aceto (compresa la specialita’ principe del balsamico) tocca i 25 milioni. I particolare, lo spumante italiano sta vivendo una stagione di grande successo all’estero e l’Italia e’ diventata il secondo Paese (dopo la Francia e prima della Spagna) per volumi esportati, raggiungendo i 70 Paesi di sbocco. Ma anche i dolci nostrani – e il panettone in particolare – sono molto richiesti sulle tavole straniere sotto Natale e raggiungono un valore export di 280 milioni di euro. 130 milioni riguardano la cioccolata e prodotti a base di cioccolata, 90 milioni biscotteria e pasticceria e 60 milioni il panettone, affiancato dal pandoro e dagli altri lievitati di ricorrenza. E’ significativo il fatto che il panettone in venti anni sia passato da 3.800 tonnellate esportate a 10.000 tonnellate, pari a 10 milioni di pezzi. Infine, la pasta italiana si ritagliera’ un bello spazio sulle tavole delle Feste: l’export di pasta ‘secca’ tocca i 160 milioni e la pasta ‘fresca’ – regina delle tavole natalizie straniere – oscilla attorno ai 60 milioni.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.