Natura & Architettura: la triennale “fa scuola”

Un ciclo di conferenze di alto contenuto formativo sviluppa il tema dell’integrazione fra verde e ambiente costruito. Tecnici, architetti ed esperti dell’ambiente e delle aree rurali si incontrano in Triennale per apprendere le più avanzate metodologie per la realizzazione di strutture verdi soprattutto nelle aree metropolitane./
Tutti i giovedì fino al 18 marzo 2010 dalle 18,00 alle 20,00 al Palazzo della Triennale di Milano, Saletta Lab, nel contesto della mostra Green Life, organizzata da Legambiente, Ambiente Italia e La Triennale di Milano, si svolge “Natura & Architettura”, un ciclo di sei incontri dedicati agli sviluppi dell’integrazione fra verde e ambiente costruito. Gli incontri sono organizzati da Promoverde, Nemeton High Green Tech Magazine e Sistemi Editoriali, in collaborazione con Legambiente, Unacoma Service e col patrocinio del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali, e fanno parte di una serie di iniziative che culmineranno il 19 marzo con la seconda edizione del convegno internazionale High Green Tech Symposium, quest’anno dedicato al tema della bellezza nel progetto sostenibile. L’architettura ecologica ha imboccato una strada precisa – spiegano gli organizzatori – e quella strada porta alla foresta, alle piante, al verde. Quello che fino a ieri era visto come semplice decorazione, oggi è un elemento strutturale nelle politiche del territorio, nelle politiche di riduzione delle emissioni di Co2 secondo il protocollo di Kyoto, nei progetti architettonici e urbanistici che puntano alla qualità della vita.
Gli architetti e gli ingegneri – questa la sfida di Natura & Architettura – devono imparare a conoscere le piante, pena la perdita di capacità professionale, e conseguentemente anche di volume d’attività. Gli agronomi, da parte loro, devono capire il mondo dell’architettura e vederlo come una grande occasione di sviluppo professionale. Condividere i saperi, ampliare gli ambiti di competenza tradizionali, integrare le discipline è oggi di fondamentale importanza e richiede iniziative specifiche proprio nel campo dell’istruzione e della formazione.
*18 febbraio*
*Hospitable city: la cultura del progetto e il verde** Luciano Crespi*
La qualità della città contemporanea dipende sempre più dalla qualità dei suoi spazi, interni ed esterni, più ancora che dalla eloquenza dei suoi “monumenti”. In particolare piazze, strade e giardini, pur svolgendo un ruolo differente rispetto al passato, forniscono l’indice di qualità di un territorio e della sua capacità di offrire spazi ospitali ai nuovi viandanti della contemporaneità. E costituiscono la vera sfida del progetto e delle sua capacità di dare risposte alle domande relative alla ricerca di una nuova civiltà dell’ abitare. La stessa questione del verde urbano rientra in questa prospettiva e si offre come occasione per una riflessione sull’attuale ruolo del design.
Luciano Crespi, architetto, ha insegnato Tecnologia dell’architettura del Politecnico di Milano. Attualmente è professore ordinario di design alla Facoltà di design del Politecnico di Milano, dove è presidente del corso di laurea in Design degli interni. E’ membro del collegio del dottorato di architettura degli interni, presso il Politecnico di Milano, e del comitato direttivo della Società
italiana del design. Tra le sue ultime pubblicazioni “Neotopie” e “L’allestimento ai tempi del viandante”
*CALENDARIO:*
*25 febbraio **
I giardini terapeutici Marco Nieri
*4 marzo **
La terra cruda come materiale per il progetto Andrea Facchi, Barbara Narici
*11 marzo**
Le biopiscine Maurizio Vegini*
*18 marzo **
Nature urbane: giardini verticali e muri vegetali Anna Lambertini, Daniele Romare*

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.