Naturitalia compie 10 anni e brinda all’insegna della solidarietà

Brindisi all’insegna della solidarietà per Naturitalia: la società commerciale del gruppo ortofrutticolo Apo Conerpo ha deciso di festeggiare il proprio decennale sostenendo il CEFA nella realizzazione di alcuni pozzi in Sud Sudan per dotare di acqua potabile i villaggi della contea di Rumbek.
Un’opera particolarmente importante perché finalizzata a migliorare le condizioni di vita di questo paese africano, dove si registra la mortalità infantile più alta del mondo e dove ben il 47% della popolazione è malnutrita.
“Abbiamo scelto di affiancare questa Onlus bolognese che opera in molti dei paesi più poveri del pianeta per aiutarli a vincere la fame e il sottosviluppo – dichiara il presidente di Naturitalia, Roberto Cera – in quanto la sua azione si è sempre basata sul modello cooperativo. Una formula che ha consentito di ottenere brillanti risultati in termini di riduzione della povertà, aumento dell’occupazione e della coesione sociale, da sempre obiettivi prioritari anche per la cooperazione. L’auspicio quindi è che questo piccolo gesto di solidarietà possa favorire lo sviluppo del Sud Sudan”.
“Sviluppo – prosegue Cera – che in questi anni non è certo mancato per Naturitalia: da quando è nata, nel 2002, partendo dal background trentennale del gruppo Conerpo, la nostra società ha infatti visto costantemente aumentare la propria base sociale come pure la produzione, arrivata a quota 150.000 tonnellate, e il volume d’affari, che oggi si attesta sui 120 milioni di euro”.
“Tutti i nostri prodotti – sottolinea il presidente – sono ottenuti con le più moderne tecniche di coltivazione e nelle aree più vocate del paese e sono quindi caratterizzati dalla massima naturalità e da un elevato livello qualitativo. Naturitalia è un sistema integrato di aziende agricole specializzate nella produzione di frutta e ortaggi e vanta nella propria compagine associativa alcune delle realtà italiane più rappresentative dell’intero settore. Tra i prodotti di punta spiccano kiwi (verde e giallo), pere, pesche, nettarine, uva, patate, cipolle e pomodori. Grazie al mix vincente formato da questa offerta estremamente ampia per numero di referenze e volume delle produzioni e da una ricca gamma di servizi, tra i quali i programmi commerciali personalizzati, la regolarità di fornitura e la segmentazione, Naturitalia si conferma anche un partner moderno, dinamico e qualificato dei più autorevoli gruppi distributivi italiani ed internazionali”. “Negli ultimi anni infatti – dichiara il direttore generale, Gabriele Ferri – oltre a consolidare la presenza sul mercato italiano la nostra società ha anche registrato uno sviluppo particolarmente significativo all’estero, in particolare in Germania, ma anche in Asia, nel Middle East, nell’Est europeo e nei paesi di oltremare. Abbiamo puntato con decisione sulla strada dell’internazionalizzazione al fine di incrementare ulteriormente gli sbocchi commerciali così da garantire ai soci un’adeguata remunerazione attraverso la migliore valorizzazione dei prodotti conferiti”. “Alla luce dei brillanti risultati ottenuti fino ad oggi – prosegue Ferri –proseguiremo in questa direzione con l’obiettivo di ‘conquistare’ nuovi mercati, quali Cina, India e Sud America. Tutto ciò senza ‘trascurare’ le aree già presidiate con successo, come l’Europa dell’Est e la Russia che rappresentano uno sbocco sempre più importante per la nostra produzione ortofrutticola. L’accesso a nuovi mercati è però subordinato all’eliminazione delle barriere fitosanitarie che ancora ostacolano l’ingresso dei nostri prodotti in numerosi paesi (basti pensare, ad esempio, al divieto di esportare mele e pere italiane negli Stati Uniti)”.
“Oltre all’individuazione di nuove opportunità commerciali per la produzione dei nostri associati – conclude il direttore di Naturitalia – per rispondere alle sfide di un mercato sempre più competitivo nei prossimi anni aumenteremo ulteriormente gli investimenti nel settore della ricerca e dell’innovazione con la proposta di nuove varietà di kiwi, pesche e nettarine, ma anche di nuovi prodotti, come frutta e verdura di quarta gamma, e con il lancio della nuova pera rossa Falstaff premiata all’edizione 2012 del Macfrut. Un’adeguata campagna di informazione e promozione consentirà infine di far conoscere ai consumatori gli obiettivi dei progetti messi a punto da Naturitalia e le ottime caratteristiche dei prodotti offerti al mercato”.
A concludere la cerimonia del decennale di Naturitalia, il presidente di Fedagri/Confcooperative, Maurizio Gardini che ha sottolineato come “la situazione attuale si presenti decisamente complessa, ma dalle criticità – ha detto – dobbiamo saper cogliere altrettante opportunità per offrire ai nostri soci una risposta adeguata di fronte al nuovo scenario socio-economico, in continua e profonda trasformazione”.
Secondo Gardini “la fuga dalle commodities deve portare ad una politica della differenziazione delle nostre produzioni per assicurare un’anima ai prodotti agricoli di qualità così da recuperare valore aggiunto saltando le fasi intermedie della filiera e arrivando direttamente sulla tavola dei consumatori di tutto il mondo”.
“Su questo fronte – ha affermato Gardini – la cooperazione è sempre stata impegnata in prima linea ed anche oggi può fornire un importante contributo per valorizzare adeguatamente il prodotto di qualità realmente italiano”.
“In questo senso – ha ricordato ancora il presidente di Fedagri/Confcooperative – occorre respingere le proposte che vanno nella direzione contraria alla aggregazione e concentrazione dell’offerta per garantire un futuro all’ortofrutta italiana. Risulta pertanto indispensabile mantenere le regole che governano la frutta e la verdura europea (Ocm) e che, puntando sulle organizzazioni dei produttori, hanno consentito in questi anni di raggiungere importanti obiettivi. Diciamo quindi no alla proposta del premio unico per le aziende perché non rappresenta un salto di qualità verso forme superiori e remunerative di imprenditoria agricola”.
“Occorre invece – ha concluso Gardini – un progetto serio di ristrutturazione del comparto agricolo che consenta di non sprecare risorse preziose con servizi non indispensabili alla crescita dell’impresa ortofrutticola e così offrire le giuste risposte alle esigenze della base produttiva che sta vivendo una delle fasi più difficili dal secondo Dopoguerra”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.