Nelle enoteche è boom di bianchi italiani

vino colli bolognesi
Soffrono i vini rossi di fascia alta, è boom di vini bianchi italiani e bollicine, le vendite sono sempre più legate al territorio, e i venditori alle prese con consumatori esigenti e informati su prezzi e qualità dei vini grazie soprattutto ad internet. Ecco lo stato dell’arte dei consumi di vino nelle enoteche italiane, alle prese con la crisi e con il crescente peso della grande distribuzione nel mercato del Belpaese. A svelarlo gli imprenditori di alcune tra le realtà più importanti del Belpaese, sentite da WineNews. Il compratore, rispetto agli anni passati, è sempre aggiornatissimo su cosa vuole comprare e, grazie ad internet, è anche in grado di avere dei paragoni su quanto può e deve spendere per una determinata bottiglia. In questa presa di coscienza del consumatore si inserisce il lavoro dell’enotecario che cerca di indirizzare il compratore verso vini poco conosciuti e possibilmente legati al territorio, ma che rispettino sempre il miglior rapporto qualità/prezzo. Se quindi non sorprende che in Toscana si vendano i classici rossi della regione, sa più di novità che a Roma i vini che destano più curiosità siano quelli autoctoni del Lazio, ma a cui i consumatori iniziano a strizzare l’occhio. “Il vero cambiamento – commenta Andrea Terraneo dell’Enoteca La Barrique di Cantù – è sui consumi e la tipologia dei prodotti venduti. Se prima si vendevano molto i vini rossi strutturati, consumati seduti e a tavola, adesso, anche a causa della riduzione dei tempi dedicati al pasto, si vendono vini più ‘facili’ da bere, che fanno meno legno”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.