Nessuna lepre infetta da Tularemia a Ferrara

lepre Il 5 gennaio scorso è apparsa sul Resto del Carlino edizione di Ferrara e su altre fonti informative nazionali e su Internet, la notizia che indicava il ritrovamento nella provincia di Ferrara di due lepri infette da Tularemia, una malattia che può trasmettersi dagli animali all’uomo. La notizia sul luogo del rinvenimento non risponde al vero perché i due episodi si riferiscono, in realtà, a casi accertati in provincia di Vicenza e di Pavia, in animali di provenienza estera. A precisarlo, in una nota, è il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’ AUSL Ferrara. Per corretta informazione dell’opinione pubblica, infatti, il Centro di Referenza nazionale per la Tularemia, che ha sede presso la Sezione di Pavia dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, il 22 Dicembre 2009, ha diagnosticata la Tularemia in una lepre proveniente dalla provincia di Vicenza, di importazione ungherese, individuata in prima istanza con test sierologico a campione (70 sieri su una partita di 950 lepri) confermando poi la malattia direttamente dall’animale. Il 4 gennaio 2010, invece, sempre lo stesso Centro ha diagnosticato un secondo caso di Tularemia in una lepre trovata morta al momento del lancio nei terreni di caccia. L’animale proveniva dalla Romania e faceva parte di un gruppo di 450 capi liberati in provincia di Pavia. Il gruppo di lepri, a sua volta, faceva parte di una partita di circa 1.500 esemplari arrivato da un importatore della provincia di Parma. Nessun caso di lepri infette, quindi, in provincia di Ferrara, dove è alta l’attenzione dei veterinari dell’Azienda USL che hanno già previsto di eseguire prelievi di campioni di sangue per la diagnosi precoce della patologia, nel caso importatori locali autorizzati introducano animali provenienti da allevamenti esteri per la ripopolazione delle aree di caccia del ferrarese. Il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’AUSL Ferrara, in ogni caso, ricorda che la Tularemia è una patologia molto infettiva, trasmissibile all’uomo e che può essere contratta durante la manipolazione della lepre morta. È necessario, quindi, che le carcasse di lepre, eventualmente ritrovate sul territorio, siano manipolate con le dovute precauzioni, indossando guanti e, comunque, segnalate o recapitate agli Uffici Veterinari dell’Azienda USL di Ferrara, che si avvarranno dei laboratori dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna per gli indispensabili approfondimenti diagnostici.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.