Il nocino: storia, leggenda, tradizione e ricetta

Il nocino è un liquore presente in diversi paesi d’Europa ottenuto dal mallo della noce, a mezzo di infusione in alcool. In Italia è particolarmente amato in Emilia-Romagna e specialmente nella zona del Modenese. A Spilamberto in provincia di Modena esiste dal 1978 l’associazione “Ordine del Nocino Modenese”, che ha lo scopo di organizzare, promuovere e sostenere iniziative e manifestazioni atte a tutelare, valorizzare e diffondere l’antica tradizione del nocino.Le origini del liquore sono incerte. Si sa che esistono versioni di liquore di noci in molti paesi europei, dall’Italia, agli Urali, all’Inghilterra.Documenti romani antichi riportano che i Picti, cioè i Britanni, si radunassero nella notte di mezza estate e bevessero da uno stesso calice uno scuro liquore di noce. Successive fonti riportano che tra i francesi era in uso un liqueur de brou de noix o ratafià di mallo. Probabilmente dalla Francia fece il suo ingresso in Italia, diffondendosi prima nella zona del Sassello e poi nel Modenese.
Il noce mantenne sempre un alone di leggenda, legato alla presenza di streghe e incantesimi, che si comunicò alla preparazione del liquore. Tradizionalmente, infatti, le noci venivano raccolte nella notte di San Giovanni dalla donna più esperta nella preparazione che, salita sull’albero a piedi scalzi, staccava solo le noci migliori a mano e senza intaccarne la buccia. Lasciate alla rugiada notturna per l’intera nottata, si mettevano in infusione il giorno dopo. La loro preparazione terminava la vigilia di Ognissanti, cioè la notte di Halloween.Nella raccolta la tradizione chiede di non usare attrezzi di ferro. Il metallo, infatti, intaccherebbe le proprietà delle piante officinali. È un fatto che i vegetali tagliati con lama di metallo ossidano prima e appassiscono più in fretta di quelli tagliati, ad esempio, con una lama di ceramica. L’usanza è comunque molto antica e già i druidi la seguivano cogliendo il vischio con un falcetto d’oro.
Per produrre il nocino si utilizzano i piccoli malli acerbi delle noci raccolti dalla pianta all’inizio dell’estate, quando sono ancora teneri a sufficienza da poter venire tagliati.
Di solito vengono scelti 20-25 malli, si lavano sotto l’acqua corrente e si tagliano in spicchi. Si mettono in un recipiente non metallico, in un largo contenitore di vetro, si aggiunge una stecca di cannella, quindi si lasciano macerare coperti di acquavite per un periodo variabile. I cultori del liquore raccomandano una macerazione di almeno un mese e mezzo, all’ombra e scuotendo il recipiente ogni giorno. Tuttavia le ricette erboristiche del nocino, quelle cioè che lo preparano come medicinale, raccomandano di tenerlo a macerare al sole. Dopo la macerazione, l’infuso viene filtrato attraverso un pezzo di stoffa di lino e gli si aggiunge, a freddo, uno sciroppo di acqua e zucchero, in proporzione variabile a seconda del grado alcolico che si intende raggiungere. Si uniscono gli aromi desiderati, quali scorza di limone, chiodi di garofano, vaniglia, quindi si richiude il barattolo per l’invecchiamento. Questo dura di solito un paio di mesi, ma può durare persino anni. Il liquore finale ha di solito una gradazione tra i 30 e i 40 gradi e un colore bruno verdastro molto scuro, che spesso macchia le labbra di chi lo beve.Il nocino va conservato in bottiglia di vetro scuro e chiusura ermetica. Si ritiene abbia effetti benefici sulle digestioni difficili e sui dolori ventrali causati da gas intestinali. È ricco di acido gallico: la tradizione erboristica lo consiglia come digestivo, tonico e contro i disturbi del fegato. Tuttavia, come per ogni alcolico e superalcolico, ne vanno bevute solo modeste quantità.Ma la tradizione si sa spesso si scontra con la realta’: e cosi’, complice l’effetto serra e i cambiamenti climatici, non sempre la notte di san giovanni e’ la notte giusta per la raccolta delle noci. A volte si deve anticipare, a volte aspettare qualche giorno in piu’.
Ricetta per 1 litro di alcool
Raccolte le noci , Lavatele; Spaccatele in quattro parti Pesatene 1.2 kg.; Mettetele in una damigiana; Aggiungete 900 gr. di zucchero; Una scorza di limone; 2 chiodi di garofano; 5 cm circa di cannella; chiudete la damigiana (io uso quelle da 5 litri); lasciate 45 giorni al sole. Scuotete la damigiana (almeno una volta al giorno, se vi ricordate!!); Filtrate il tutto con garza di cotone: avvinatela prima, cioè imbevetela con del nocino! Sarebbe pronto per l’assaggio verso Natale !

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.