Nomisma, calo 6,1% consumo di vino nel 2020 rispetto al 2012

bonardaRallenta il consumo di vino da parte degli italiani. E’ quanto emerge da uno studio di Wine Monitor-Nomisma secondo cui, nel 2020 si può stimare un calo dei consumi del 6,1% rispetto al 2012, per un livello complessivo di 21,2 milioni di ettolitri e di circa 34 litri pro-capite. Una ulteriore frenata rispetto a quella che già si registra di questi tempi: un quarto di secolo fa – spiega l’istituto di ricerca – l’Italia rappresentava il secondo consumatore di vino al mondo, dopo la Francia con oltre 36,6 milioni di ettolitri. Attualmente, si legge in una nota, l’Italia, con i suoi 22,6 milioni di ettolitri (il 62% in meno rispetto a 25 anni fa) “ha ceduto il secondo posto agli Stati Uniti (29 milioni di ettolitri)” ed è incalzata “dalla Germania (20 milioni) e soprattutto dalla Cina (17,8 Milioni), per la quale si prevede, entro entro cinque anni, un sorpasso nei confronti di Italia e Germania”. Nel 2012, viene osservato ancora, le vendite di vino nel canale della grande distribuzione organizzata “sono diminuite in volume del 3,6% rispetto al 2011; anche il primo trimestre 2013 evidenzia un ulteriore calo” pari al “7,5% sullo stesso periodo dell’anno precedente”. A giudizio di Nomisma, nei prossimi anni, con l’invecchiamento generale della popolazione italiana, una maggior attenzione alla salute e un minor consumo di alcool, con l’incremento degli immigrati – in particolare, di quelle etnie che per motivi religiosi non consumano vino – “per il 2020 è stimato un ulteriore calo dei consumi di vino in Italia pari al -6,1% rispetto al 2012, per un livello complessivo di 21,2 milioni di ettolitri e di circa 34 litri pro-capite”. Quindi, prosegue l’istituto felsineo, “un livello che, a parità di condizioni produttive ed importazioni (considerate come media dell’ultimo triennio) comporta necessariamente per mantenere l’equilibrio di mercato, uno sforzo aggiuntivo nei volumi esportati (+6,3%) o, in alternativa, una riduzione della produzione pari al 3% che, dal punto di vista strutturale, equivale ad espiantare circa 18.600 ettari o a chiudere 11.140 aziende viticole”. (ANSA)

Tags: ,

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.