Nomisma, cibi E-R più imitati ma Usa vuole ‘vero’ italiano

Parmigiano Reggiano pezziI prodotti Dop e Igp dell’Emilia-Romagna sono tra i più imitati al mondo ma negli Stati Uniti cresce la voglia di acquistare ‘vero’ italiano. E’ quanto emerge da uno studio condotto da Nomisma su cosa pensa il consumatore statunitense in tema di origine, ‘italian sounding’ e tracciabilità dei prodotti agroalimentari presentato al ‘Growing Seeds Forum’, ciclo di seminari organizzato dallo stesso istituto bolognese con il supporto di Philip Morris Italia per riflettere sullo sviluppo del sistema economico dell’Emilia-Romagna In base alla ricerca – si legge in una nota – nel 2014, l’Ispettorato centrale per il controllo della qualità dei prodotti agroalimentari ha effettuato 60 segnalazioni in tutta Europa riguardanti pratiche imitative di prodotti Dop e Igp italiani, delle quali ben 40 relative a denominazioni dell’Emilia-Romagna: “un danno incalcolabile per un sistema certificato che a livello regionale vale oltre 2,5 miliardi di euro e che fa dell’Emilia Romagna la prima regione in Europa per valore dei prodotti Dop e Igp con il 15% del valore complessivo legato al paniere di quasi 1.300 Dop e Igp a livello Ue”. Tuttavia, osserva Denis Pantini Responsabile settore Agroalimentare di Nomisma, “anche se in media la quota di prodotti ‘Made in Usa’ rappresenta il 73% della spesa alimentare delle famiglie nella parte rimanente l’italianità dei prodotti assume un ruolo di primo piano: l’Italia figura al primo posto come origine di alimentari esteri più ricercati con una predilezione particolare verso formaggi, pasta, olio d’oliva, sughi e vino. L’origine italiana rappresenta per il consumatore americano una garanzia di qualità (lo pensa il 72% dei consumatori) e sicurezza alimentare (19%), anche se il fenomeno dell”italian sounding’ rende difficile capire ciò che è realmente italiano”.
Per questo, viene sottolineato ancora nello studio di Nomisma, dato che “l’85%” dei consumatori americani ritiene importante conoscere l’autenticità dei prodotti che acquista, 9 consumatori su 10, sarebbero interessati all’utilizzo di sistemi in grado di identificare l’autenticità dei prodotti che compra, visto che con la tracciabilità lo stesso consumatore si sente garantito sia in termini di sicurezza alimentare che di origine e quindi di qualità”. L’Emilia-Romagna “con 41 specialità è la Regione che detiene il record europeo per le produzioni a indicazione d’origine – precisa l’assessore regionale all’Agricoltura, Simona Caselli, intervenuta a conclusione del convegno – è dunque per noi fondamentale che il Ttip, il trattato di libero scambio tra Usa e Ue, riconosca il sistema europeo delle Dop e Igp. Anche il Parlamento Ue quest’estate nel suo voto sul Trattato ha ribadito che si tratta di un punto irrinunciabile. Se così sarà, per le nostre produzioni più importanti potrà incrementare significativamente uno sbocco commerciale di grande interesse, mentre il consumatore statunitense avrà le dovute garanzie sul piano della qualità e della tracciabilità. Già oggi – chiosa gli Usa rappresentano il principale mercato non comunitario per i prodotti alimentari dell’Emilia-Romagna con il 7% del totale delle esportazioni”.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.