Nomisma, da 2000 forte calo consumi frutta-verdura

Putin bans import of food from countries sanctioning MoscowDal 2000 a oggi gli italiani hanno “rinunciato” a consumare quasi 1.700 tonnellate di frutta e verdura pari a 17 chili di consumi di frutta e verdura freschi procapite, una media di 1,5 kg in meno ogni anno. E’ quanto emerge da un’analisi di Nomisma pubblicata sulla newsletter mensile dell’Istituto. Il 2014 – secondo la “fotografia” scattata da Nomisma – restituisce un ulteriore allarme. I consumi ortofrutticoli freschi si sono fermati a 130,6 Kg procapite equivalenti a non più di 360 grammi al giorno. Nel 2000 il consumo era pari a 400 grammi al giorno. La contrazione più forte riguarda la frutta (-15%) rispetto alla verdura (-6%), Un dato che deve allarmare – sottolinea Nomisma – tenuto conto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) stima una forte correlazione tra scarso consumo di frutta e verdura e malattie. Emerge dall’analisi Nomisma come in Italia solo il 18% della popolazione di età superiore ai tre anni consumi ogni giorno 4 porzioni di frutta e verdura. La Spagna è l’unico tra i paesi europei in linea con le raccomandazioni Oms (490 grammi al giorno), mentre Francia e Regno Unito – rispettivamente con 223 grammi e 273 grammi al giorno – presentano un dato inferiore a quello del Belpaese.
Considerando il trend a lungo periodo di consumi ortofrutticoli freschi, l’Italia presenta una contrazione (dal 2000) del 14%, con una flessione media annua dell’1%, il dato più basso a livello europeo, in controtendenza rispetto a Francia e Germania che riportano – al contrario – un lieve recupero di terreno. Per Nomisma questa situazione si presenta allarmante per la filiera ortofrutticola italiana considerando le 450.000 aziende agricole operanti e gli oltre 850.000 ettari dedicati alla coltivazione. “L’implementazione di campagne di informazione e sensibilizzazione, accanto a strumenti e politiche per i produttori è certamente una chiave determinante per sostenere i consumi ortofrutticoli”, evidenzia Silvia Zucconi, coordinatore area agroalimentare di Nomisma. Ne viene che è la famiglia l’ambito più idoneo per incidere su comportamenti di consumo e stili alimentari ma – ricorda Nomisma – la ristorazione scolastica gioca un ruolo determinante. Secondo stime dell’Istituto bolognese sono 2,3 milioni i pasti scolastici distribuiti ogni giorno nelle scuole (2 milioni per i bambini fino a 14 anni e 337 mila per i ragazzi con più di 15 anni). “La scuola diventa un momento cruciale per rafforzare le buone abitudini dei bambini”, ricorda Zucconi.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.