Obesità: bibite gassate nel mirino. Coldiretti, bene ipotesi tassa


Un terzo dei ragazzi italiani è obeso o in sovrappeso per effetto del consumo di bibite gassate e di cibi spazzatura, mentre si registra un progressivo abbandono dei principi della dieta mediterranea. E’ quanto afferma Coldiretti che, nel commentare la proposta del governo francese presentata dal primo ministro Francois Fillon di tassare le bevande gassate a partire dalla Coca Cola, sostiene che l’introito derivante dovrebbe essere utilizzato per iniziative finalizzate ad aumentare il consumo di frutta e verdura. Il 48 per cento dei bambini italiani – sottolinea Coldiretti – consuma bevande gassate o zuccherate ogni giorno mentre il 23 per cento dei genitori dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e verdura con il risultato che il 34 per cento dei piccoli cittadini italiani di 8 e 9 anni è lontano dal peso forma: oltre un milione è sovrappeso (22,1 per cento del totale) e 400mila (11,1 per cento) sono obesi, secondo il monitoraggio effettuato dal progetto “Okkio alla salute”. “Peraltro sulla base di una legge nazionale ormai datata (Legge n. 286 del 1961) le bevande al gusto di agrumi possono essere colorate a condizione che esse contengano appena il 12 per cento di succo di agrumi” – denuncia Lorenzo Bazzana responsabile ortofrutta della Coldiretti che “chiede di aumentare di alcuni punti percentuali il succo di agrumi nelle bibite”. Coldiretti favorisce la sana alimentazione tra i ragazzi attraverso il progetto “Educazione alla Campagna Amica” che coinvolge centomila alunni delle scuole elementari e medie che partecipano ad oltre tremila lezioni in programma nelle fattorie didattiche e agli oltre cinquemila laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.