Obesity Day a Parma

A Parma, la IV Settimana per la Prevenzione dell’Obesità e per un corretto Stile di Vita è iniziata martedì e si protrarrà fino a domenica 16, per affrontare il tema in tutti i suoi aspetti e da ogni punto di vista, con incontri, convegni, momenti scientifici e divulgativi, ma anche degustazioni, che si svolgeranno in alcune sedi cittadine e della provincia. OBESITY WEEK non poteva che nascere nella capitale della Food Valley, punto di riferimento mondiale per il cibo, che può essere amico, ma anche “nemico”. Infatti l’allarme sulle conseguenze di una dieta scorretta e del sovrappeso è globale in quanto sono in aumento le malattie connesse, dall’obesità al diabete, dall’ipertensione alle patologie cardiovascolari e neuropsicologiche, dalle dislipidemie ai tumori.
Su queste premesse, per diffondere il messaggio di prevenzione dell’obesità e per sensibilizzare le persone ai vantaggi di una dieta equilibrata, il professor Leone Arsenio, responsabile della struttura Malattie del Ricambio e Diabetologia dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, già nel 2008 ha pensato di organizzare sette giornate mirate all’alimentazione sana, sobria, gratificante e consapevole, come riferisce lui stesso: «La mia idea nasce da Obesity Day, evento a carattere nazionale a cui partecipiamo da anni, ma che si limita a un solo incontro con il pubblico. Personalmente ho riflettuto sul fatto che l’impegno di una sola giornata riportava scarsi risultati, perché la gente, al suo termine, tornava a casa senza soluzioni in merito. Pertanto ho ritenuto che fosse più proficuo prolungare l’iniziativa per più giorni e di allargarla dall’ambito sanitario a molti altri, in quanto il cibo ha risvolti sociali, etici, culturali, economici, psicologici e religiosi. Possiamo affermare che l’alimentazione si interfaccia con l’uomo a 360° e che non è solo curativa ma permette la conservazione della specie. Allo scopo di convincere la gente ad avere un corretto rapporto con il cibo, gli interventi non dovrebbero riguardare solo il settore della sanità, ma gli approcci devono essere multidisciplinari, ad esempio interessando l’industria, per ottenere prodotti più salutari, e i media, perché possano divulgare informazioni corrette».
In questa ottica, a Parma, la quarta edizione di Obesity Week, che ha ricevuto molti patrocini e la collaborazione dell’Azienda Sanitaria Locale, ampia i suoi orizzonti e, agli appuntamenti d’ordine medico, affianca quelli scientifici divulgativi rivolti alla cittadinanza. Da segnalare:
– “Ambulatori Aperti”, domenica 9 ottobre, data dell’Obesity Day, dalle ore 9 alle 12, accoglieranno in Ospedale, presso il Servizio del professor Arsenio, quanti avranno prenotato (al n° 0521/703073, da mercoledì a venerdì, dalle ore 12,30 alle 14,30), per avere una valutazione antropometrica e informazioni nutrizionali. – “La città dello Sport”, mercoledì 12 ottobre, alle ore 14,30, nella sala riunioni CONI, vedrà esperti di varie discipline presentare le linee-guida per un efficace esercizio fisico, in particolare per chi soffre di malattie croniche. – “Alimentazione e ambiente”, in programma giovedì 13 alle ore 16, presso la Sala Borri di Palazzo Giordani, si occuperà di acqua, alimentazione sostenibile e sobrietà. – “Alimentazione Salute Cultura”, sabato 15, dalle ore 9 alle 12, al Museo Archeologico Nazionale, è il convegno in onore dei 150 anni dell’Unità d’Italia, in cui saranno presentati i risultati di un’indagine storica condotta sulla documentazione di pazienti degli ospedali del parmense all’epoca di Maria Luigia, in gran parte curati per scorbuto e pellagra, malattie legate ad una scarsa e inadeguata alimentazione.
La giornata inaugurale del 4 ottobre è stata riservata al convegno “L’obesità infantile: un problema esplosivo”: alle ore 21, presso l’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Parma, è stata trattata la scottante e attualissima emergenza che vede in Europa un bambino su tre in sovrappeso e il peggioramento della situazione di anno in anno. «Fino agli anni ’80, l’obesità interessava solo gli Stati Uniti, ma ora è diventata il problema sanitario numero uno anche in Italia», commenta il professor Leone Arsenio, «Questa condizione, se non trattata, è il primo passo verso le patologie collegate, tra cui il diabete e la pressione arteriosa alta, che portano a invalidità e a conseguenze economiche negative. Ad esempio, in Emilia Romagna, si è valutato che un diabetico incide sulla spesa sanitaria tre volte di più degli altri, per un costo annuale individuale di circa 3.000 €. In tempi di riduzione di fondi per la sanità pubblica, si ottiene un risparmio anche evitando che un obeso diventi diabetico. La prevenzione delle patologie cronico-degenerative riesce così a far contenere le spese».
Tuttavia, poiché il cibo è anche piacere, il professor Arsenio ha voluto che la Settimana di Prevenzione dell’Obesità si concludesse con un evento all’insegna del gusto: a Calestano, domenica 16, alle ore 15, “I gioielli dell’Appennino parmense: tartufo, prosciutto, parmigiano” condurranno i presenti in un viaggio alla scoperta della storia e delle proprietà organolettiche e nutrizionali dei prodotti che rappresentano l’eccellenza gastronomica del territorio. «Non a caso abbiamo coinvolto l’Istituto Alberghiero di Salsomaggiore i cui professori, lunedì 10 ottobre, daranno una dimostrazione pratica della valenza del cibo che è anche palatale», conclude lo specialista, ideatore di Obesity Week.
Per informazioni sito: www.obesityweek.info
In questa ottica, a Parma, la quarta edizione di Obesity Week, che ha
ricevuto molti patrocini e la collaborazione dell¹Azienda Sanitaria Locale,
ampia i suoi orizzonti e, agli appuntamenti d¹ordine medico, affianca quelli
scientifici divulgativi rivolti alla cittadinanza. Da segnalare:
* ³Ambulatori Aperti², domenica 9 ottobre, data dell¹Obesity Day, dalle ore
9 alle 12, accoglieranno in Ospedale, presso il Servizio del professor
Arsenio, quanti avranno prenotato (al n° 0521/703073, da mercoledì a
venerdì, dalle ore 12,30 alle 14,30), per avere una valutazione
antropometrica e informazioni nutrizionali. – ³La città dello Sport²,
mercoledì 12 ottobre, alle ore 14,30, nella sala riunioni CONI, vedrà
esperti di varie discipline presentare le linee-guida per un efficace
esercizio fisico, in particolare per chi soffre di malattie croniche. –
³Alimentazione e ambiente², in programma giovedì 13 alle ore 16, presso la
Sala Borri di Palazzo Giordani, si occuperà di acqua, alimentazione
sostenibile e sobrietà. – ³Alimentazione Salute Cultura², sabato 15, dalle
ore 9 alle 12, al Museo Archeologico Nazionale, è il convegno in onore dei
150 anni dell¹Unità d¹Italia, in cui saranno presentati i risultati di
un¹indagine storica condotta sulla documentazione di pazienti degli ospedali
del parmense all¹epoca di Maria Luigia, in gran parte curati per scorbuto e
pellagra, malattie legate ad una scarsa e inadeguata alimentazione…

Un Commento in “Obesity Day a Parma”

  • franca Ferrari scritto il 5 ottobre 2011 pmmercoledìWednesdayEurope/Rome 14:59

    E’ importante la prevenzione ed un adeguato stiledi vita.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.