Occhio all’etichetta per spumanti e champagne

spumante2 Quando si acquista uno champagne o spumante e’ bene guardare con attenzione l’etichetta per garantirsi sulla qualita’ del prodotto. E’ quanto afferma l’associazione dei consumatori Aduc, offrendo alcune indicazioni utili sugli acquisti delle bollicine per fine anno. Un buon spumante – sottolinea l’Aduc – deve indicare le dizioni: metodo classico (significa che e’ fatto con il metodo champenois); Doc (denominazione di origine controllata), Docg (denominazione di origine controllata e garantita) o l’analoga sigla europea VSQPRD, il che assicura che il vino e’ di una determinata area geografica; Prodotto e imbottigliato da… (un produttore corretto tiene a garantire la qualita’ del proprio prodotto); la data della sboccatura, cioe’ della eliminazione del deposito che si forma nelle bottiglie. Per lo champagne – continua l’Aduc – valgono in sostanza le stesse indicazioni dello spumante. In piu’ sulle etichette degli champagne dovrebbe essere indicata: la sigla Ay che sta ad indicare la zona con i vigneti migliori; la sigla R.M (lo champagne e’ fatto con uve dei produttori); la sigla N.M (lo champagne e’ fatto con uve di diversa provenienza); la dizione pas dose’ o nature (non e’ stato aggiunto sciroppo zuccherino); l’indicazione dell’annata (champagne millesimato). (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.