Ogm: Assobiotec, no a distruzione colture Università della Tuscia


“E’ sconcertante che si arrivi al punto di anche solo ipotizzare di distruggere il frutto di una attività di ricerca come quella portata avanti dall’Università della Tuscia, per puri pregiudizi ideologici. E lo è ancora di più se pensiamo che esistono precise norme europee sulla sperimentazione delle piante geneticamente modificate che l’Italia disattende da anni”. Così Alessandro Sidoli, presidente di Assobiotec, sulla vicenda relativa alle coltivazioni sperimentali di ciliegio, kiwi e olivo di cui il ministero dell’Ambiente chiede la distruzione. Le motivazioni di sicurezza che sono state avanzate, secondo Assobiotec, in un nota, “sono ampiamente pretestuose, anche in considerazione del fatto che, da anni, sono stati definiti in Italia i protocolli per la sperimentazione e quindi anche per la gestione della sicurezza delle coltivazioni”. “Ancora una volta la ricerca pubblica italiana paga lo scotto di un pregiudizio che va solo a scapito dell’innovazione nell’ambito di quelle colture che fanno grande l’agricoltura italiana” conclude il presidente di Assobiotec.

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.