Ogm, Futuragra si appella a Galan: il campo sequestrato diventi sperimentale


L’associazione Futuragra chiede ai rappresentanti della Conferenza Stato-Regioni di visitare il campo di mais Ogm sotto sequestro a Fanna (Pordenone) prima di prendere decisioni in materia. La domanda è stata avanzata oggi dal presidente dell’organizzazione che si batte per l’uso delle biotecnologie in agricoltura, Duilio Campagnolo. ”E’ un diritto avere opinioni discordanti – afferma in una nota – ma e’ un dovere per un amministratore raccogliere tutti gli elementi utili a prendere decisioni responsabili e nell’interesse del Paese e dell’agricoltura italiana”. Campagnolo definisce inoltre ”scontato” l’esito della Conferenza Stato-Regioni sul tema degli Ogm ”e sara’ solo una nuova tappa – aggiunge – verso l’ormai inarrestabile perdita di competitivita’ del settore. Gli amministratori locali si assumeranno una responsabilita’ politica enorme avallando ancora una volta le richieste di chi, Coldiretti in testa, continua a fare demagogia sulle biotecnologie – aggiunge – e a non ascoltare la voce della scienza”. Futuragra rivolge infine un appello al ministro delle Risorse agricole, Giancarlo Galan, ”affinche’ dia seguito all’impegno preso all’indomani dell’assalto al campo da parte degli ambientalisti, quando in una lettera al Corriere della Sera critico’ aspramente quanti ‘tentano di impedire il procedere con studi e ricerche’. Chiediamo che il Ministro si adoperi affinche’ sul campo di Fanna vengano effettuati tutti i rilievi possibili da parte dei centri di ricerca pubblici e che renda disponibili i dati alla comunita’ scientifica. Auspichiamo che Fanna – conclude Campagnolo – diventi un campo sperimentale colmando cosi’ 10 anni di ricerca bloccata”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.