Ogm: Greenpeace, a rischio grano da Usa, Italia aumenta test

Le autorità italiane dovrebbero fare test su tutto il grano importato dagli Usa, dopo la scoperta in Oregon di tracce di frumento Ogm non autorizzato nelle produzioni. Lo chiede Greenpeace, dopo che anche la Commissione Europea ha invitato i paesi membri ad alzare la guardia. La vicenda riguarda un singolo agricoltore che ha trovato nei suoi campi grano che poi è risultato essere di una varietà sviluppata all’inizio degli anni 2000 da Monsanto ma il cui progetto è stato abbandonato. Nessun indizio è ancora stato trovato su come queste sementi siano potute arrivare nei campi, anche se uno degli Stati dove vennero testate è proprio l’Oregon. La Commissione ha esortato ieri ad aumentare i controlli sul grano tenero bianco, che costituisce l’80% delle importazioni dagli Usa. Il Giappone, da parte sua, ha invece sospeso l’importazione di una partita da 25mila tonnellate in attesa che venga chiarita la vicenda. “L’import di frumento USA in Italia, nella campagna approvvigionamenti 2011/2012, ammontava a oltre 360 mila tonnellate – sottlinea Greenpeace -. Vista la grave situazione e il rischio di una contaminazione diffusa e incontrollata è necessario testare ogni nuovo import dagli Stati Uniti per scongiurare la possibilità che ai cittadini italiani si somministrino prodotti (farine e derivati) con Ogm non autorizzati”. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.