Ogm: la Basf chiede l’autorizzazione per una patata da tavola

La multinazionale tedesca della chimica Basf ha presentato richiesta all’Unione europea per la coltivazione e la commercializzazione di una patata geneticamente modificata destinata all’alimentazione umana. Lo ha reso noto un’affiliata dell’azienda, la Basf Plant Science di Limburgerhof, cittadina della Renania-Palatinato. Il tubero, brevettato col nome “Fortuna”, sarebbe geneticamente protetto dalla peronospora della patata, responsabile ogni anno della riduzione di un quinto della produzione mondiale – e causa principale della grande carestia che ha colpito l’Irlanda a metà dell’Ottocento. Il nuovo tubero ogm, che potrebbe essere introdotto sul mercato a partire dal 2014, è frutto dello sviluppo di un tipo di patata leader in Europa per la produzione di patatine fritte, “Fontane”, i cui geni provengono da un tubero selvatico sudamericano. Basf, numero uno in Europa nel settore chimico, è già in possesso di una licenza per una patata ogm, “Amflora”, che non é però prodotta direttamente per il mercato alimentare. La richiesta di commercializzazione presentata da Basf per “Fortuna” comprende invece l’uso come prodotto alimentare sia per uomini che per animali. Sarebbe la prima patata ogm direttamente destinata alla tavola.(ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.