Ogm: paesi Ue divisi sulla tolleranza nei mangimi

I Paesi europei restano divisi sugli Ogm. Le differenze sono emerse nuovamente quando i rappresentanti dei 27, riuniti nel Comitato per la catena alimentare e la salute animale, hanno rinviato ogni decisione su una norma comune per facilitare il controllo dei cereali (soprattutto mangimi per animali), con una soglia minimale di organismi geneticamente modificati, che arrivano in Europa. L’obiettivo e’ quello di evitare il ripetersi di blocchi al commercio e la posta in gioco non e’ di poco conto: basta pensare che ogni anno l’Unione europea importa milioni di tonnellate di mais e di soia destinate all’alimentazione animale. Stando alle regole Ue, finora in vigore, ogni carico che mostra tracce di contaminazione da Ogm non ancora autorizzato nell’Unione europea deve essere bloccato. La Commissione europea ha presentato una proposta che fissa allo 0,1% la soglia minima di contaminazione (”zero tecnico”), con un sistema di autorizzazione che consenta di evitare interruzioni continue nelle importazioni da paesi extraeuropei. In sostanza, una soluzione tecnica per l’esame di una ”lieve presenza” che consenta una maggiore operativita’, pur non modificando, come aveva gia’ spiegato il commissario Ue alla salute John Dalli, il metodo di tolleranza zero per gli Ogm non autorizzati nell’Unione. Dopo due giorni di discussioni, tuttavia, sulla proposta, che e’ osteggiata da diversi Stati membri, non e’ stata raggiunta un’intesa. La Commissione europea, ha riferito Frederic Vincent, portavoce del commissario Dalli, ”prende atto del fatto che alcuni Stati membri hanno chiesto un prolungamento della discussione sulla questione che verra’ iscritta all’ordine del giorno di una riunione dello stesso Comitato nelle prossime settimane”. Un nuovo incontro e’ fissato per il 22 e 23 febbraio. I rappresentanti dei 27 non sono riusciti neppure a raggiungere un accordo sulla domanda di commercializzazione di quattro ogm, tre mais e un cotone. Saranno ora i ministri Ue dell’ambiente a doversi esprimere. Se anche il Consiglio non riuscira’ a raggiungere una maggioranza, sara’ la Commissione a dire l’ultima parola, dopo che l’Autorita’ europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha gia’ dato una valutazione scientifica favorevole. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.