Ogm: Pe, per vietare le colture in Ue bastano motivi ambientali


Gli Stati membri che vogliono limitare o vietare la coltura di organismi geneticamente modificati (Ogm), ”dovrebbero poter invocare dei motivi ambientali”: dalla resistenza ai pesticidi alla disseminazione nell’ambiente alla tutela della biodiversita’. E’ quanto hanno sostenuto oggi a Bruxelles i deputati della commissione ambiente del Parlamento europeo in quanto ritengono che le ragioni ambientali ”potrebbero rafforzare la protezione giuridica dei Paesi che vogliono vietare prodotti transgenici, contro eventuali contestazioni all’Organizzazione mondiale per il commercio (Wto)”. Ma anche, aggiungono, queste misure permetterebbero di completare ”il ruolo dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare nella valutazione delle ripercussioni degli Ogm sulla salute e l’ambiente”.
La maggioranza degli europarlamentari nella commissione ambiente ha quindi giocato, oggi a Bruxelles, la carta del compromesso sulle motivazioni che possono invocare gli Stati membri per vietare di introdurre la coltura di Ogm sul loro territorio. Infatti, se una parte degli eurodeputati avrebbe preferito respingere in blocco la proposta dell’Esecutivo Ue, la maggioranza invece ha preferito seguire la relatrice, la liberaldemocratica francese Corinne Lepage, votando in favore dell’inserimento delle motivazione ambientali nella proposta della Commissione europea. Per Lepage, con questo voto gli eurodeputati hanno inviato una segnale chiaro al Consiglio e all’Esecutivo Ue: ossia, ”Bisogna mantenere il sistema di autorizzazione comunitario degli Ogm, riconoscendo nel contempo che certi aspetti agroambientali, come gli impatti socioeconomici legati alla contaminazione, possono essere invocati dagli Stati membri per giustificarne il divieto di coltivarli”. I deputati della commissione ambiente sono anche convinti che gli aspetti socioeconomici potrebbero costituire un motivo legittimo per vietare la coltura degli Ogm: ad esempio quando il rischio di contaminazione non puo’ essere controllato, o per proteggere altri tipi di colture. In Europa Austria, Francia, Grecia, Ungheria, Germania e Lussemburgo applicano una ‘clausola di salvaguardia’ per vietare la coltura di alcuni Ogm allo scopo di proteggere la salute e l’ambiente sul proprio territorio. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.