Ogm: Ue, motivi di ordine pubblico tra ipotesi stop coltura


Gli Stati europei potrebbero essere autorizzati a vietare la coltivazione di Ogm anche per motivi di ordine pubblico, di fronte ad un’opposizione popolare alle colture biotech. E’ quanto si legge in una bozza di documento della Commissione europea, citata da diverse fonti. Nel documento sarebbe stata infatti inserita una lista di ragioni che gli Stati potrebbero invocare per dire no alla coltivazione di Ogm sul loro territorio. Tra le altre ipotesi della lista ”aperta” vengono inserite, ad esempio, la scelta di produttori di preservare il territorio per coltivazioni tradizionali, quella dei consumatori contro gli Ogm, ma anche motivazioni ordine morale, filosofico o religioso. L’elenco e’ stato stilato per far capire quali potrebbero essere nel complesso i motivi che potrebbero giustificare una proposta di un divieto. Finora Bruxelles, in assenza di un accordo tra gli Stati, ha autorizzato coltivazioni Ogm tutte le volte che l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare Efsa ha dato un parere favorevole. Secondo una nuova proposta, in caso di non accordo tra gli Stati, la Commissione potrebbe dare la sua autorizzazione ma non sarebbe piu’ obbligata a farlo. La Commissione ha proposto un sistema alla carta lasciando agli Stati la possibilita’ di decidere se autorizzare o meno la coltivazione. (ANSA).

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine

Copyright © 2009 Con I Piedi Per Terra . All rights reserved.
Copyright © GTV s.r.l.
Sede legale V.Bonazzi, 51 - 40013 Castelmaggiore (Bo) - Sede opertiva v. L.Manara, 6 - 40128 Bologna
tel: 051 63236 - fax 051 6323602 - fax redazione 051 6323609
P. Iva 01607481205 - C.F 01161880388 - R.E.A. 347487 - R.I.BO 01161880388 - C.S. € 1.550.000,00 Vers. € 1.445.375,00
Concessionaria per la Pubblicità Publivideo2 Srl.